+Turismo

Informazioni

Il Parco è stato istituito nel 1982 dopo diversi anni di campagne scientifiche e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica per far riconoscere ufficialmente il valore ambientale dell’area. Le zone acquitrinose non hanno infatti quasi mai interessato particolarmente il grande pubblico. Qui i depositi di torba raggiungono anche i 7 m di spessore. È un dei pochi posti in Svezia a essere sopravvissuto nelle condizioni originarie. Il Parco comprende laghi, pantani e acquitrini di considerevole valore ornitologico e botanico. 
Si ritiene che Store Mosse iniziò a sviluppare le caratteristiche che lo contraddistinguono milioni di anni fa, quando Fornbolmen, un lago di epoca glaciale, che aveva inondato l’area, incominciò ad asciugarsi. Quando il clima si fece più umido, parte dei letti sabbiosi del lago iniziarono a saturarsi d’acqua e a impoverirsi di ossigeno così che le piante e altro materiale organico, potevano decomporsi solo parzialmente. Con il passare dei secoli, diversi strati di torba si ammassarono sulla superficie dell’acqua. Le torbiere che si trovano sui terreni più elevati del Parco si formarono in questo modo, ricevendo acqua unicamente dalle precipitazioni atmosferiche che certo non mancano da queste parti. Il secondo tipo di acquitrino che si trova nell’area sono le paludi di pianura, più fertili delle torbiere alte, in quanto ricevono acqua dalle fonti idriche sotterranee ricche di nutrimenti.

Foto

Consigli in zona

I luoghi di PiuTurismo


+Turismo