+Turismo

Alicudi è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia. Amministrativamente appartiene a Lipari, comune italiano della provincia di Messina in Sicilia. Gli abitanti dell'isola sono chiamati in siciliano arcudari.


Fuori dalle rotte commerciali, con pochi abitanti e senza il turismo di massa che altre isole conoscono, Alicudi conserva ancora tutto il suo fascino naturale. Chi arriva ad Alicudi s'immerge in una dimensione di vita ormai altrove perduta. Qui persino le grandi cernie non sono diffidenti e si fanno osservare senza ritrarsi. La risacca del mare e lo stormire del vento sulla vegetazione sono gli unici suoni. Data la particolare conformazione del terreno, mancano del tutto strade o viottoli carrozzabili e, pertanto, anche le auto, i motorini e le biciclette. Per affrontare le scalinate di pietra lavica, che s'inerpicano dappertutto, ci si affida ai propri piedi ed ai simpatici asinelli che sono allevati sull'isola e sopportano il peso di merci e bagagli dal porto alle case sparse sul pendio. Niente discoteche, pizzerie, tavole calde, birrerie, boutiques, barbieri, paninoteche e sale giochi, solo un albergo bar ristorante, due negozi di alimentari e una rivendita di giornali e prodotti artigianali: ma è un luogo incantevole dove rifugiarsi e assaporare una vacanza diversa. L'antico nome di Alicudi è Ericusa, dalla presenza sull'isola dell'erica, pianta che abbonda ancora sulle pendici e nelle valli inaccessibili del cono vulcanico oggi spento. La base del vulcano si sviluppa a partire da 1500 m. sotto il livello del mare per raggiungere i 675 m. del Monte Filo dell'Arpa. L'isola è la più occidentale delle Eolie, la prima che le imbarcazioni provenienti da Palermo o da Ustica incontrano. Per questo, anche se aspra e isolata e nonostante la totale mancanza di insenature e ripari per ormeggiare, è stata un punto di riferimento per i navigatori dell'antichità

+Turismo