+Turismo

I dintorni della cittadina di Vitorchiano (provincia di Viterbo) sono caratterizzati dalla presenza di numerose emergenze archeologiche che vanno dalla preistoria all'alto medioevo.


La parte più interessante, sotto questo profilo, è la Selva di Malano, dove sono situati ruderi della città etrusco-romana di Corviano (Soriano nel Cimino).

Questo sito si trova in ottima posizione difensiva, ora del tutto nascosta da una boscaglia fitta ed intricata, dalla quale emergono le possenti mura del castello medioevale. Numerose e sparse ovunque si trovano le pestarole, tipiche incavature nei massi di peperino ad una o due vasche comunicanti dove veniva pigiata l'uva.Corviano - Le Pestarole

Il rudere del castello mostra, nella parte ovest, resti di mura etrusche in opera quadrata incorporate nella cinta difensiva. Poco più avanti, lungo il crinale che si volge al torrente, si affacciano i vani di numerose case ipogee scavate nel peperino. Si compongono di due o tre ambienti e ricevono aria da grandi finestroni ricavati all'esterno della parete rocciosa. Sparse per il pianoro, vicino ai resti di una chiesa alto-medioevale, ci sono tombe a fossa coperte da lastroni di peperino. La tipologia di queste sepolture è particolare in quanto la roccia nella quale sono ricavate è stata sagomata a forma umana, ed è questa una peculiarità della zona che si ritrova nella vicina Selva di Malano.

+Turismo