+Turismo

La Cima del Redentore, situata a 2.448 m s.l.m., è una delle vette più elevate dei monti Sibillini, nonché la cima più alta dell'Umbria. Fa parte del complesso del monte Vettore e si trova esattamente al confine fra le province di Perugia e Ascoli Piceno.


Vista dall'inizio della valle, specialmente da Foce di Montemonaco, appare particolarmente imponente. Collocata sopra il Lago di Pilato, rappresenta, soprattutto d'inverno, una ambita meta per gli scalatori. Il sistema di valli che convergono verso questa parte dei Sibillini è solo uno dei tanti che caratterizzano il settore marchigiano del parco. Queste valli, disposte quasi parallelamente l'una all'altra, hanno origini glaciali, e quindi conformazione simile. Le più importanti sono la Valle dell'Infernaccio (al di là del monte Sibilla) e la valle dell'Ambro (al di là del monte Priora). Storicamente era la Cima del Redentore a essere chiamata col nome "Vettore", essendo la vetta più visibile del gruppo (il monte Vettore propriamente detto rimane nascosto dai Piani di Castelluccio), nonostante sia più bassa di una ventina di metri.

+Turismo