+Turismo


Padenghe sul Garda è un comune di 4400 abitanti situato nel territorio della Valtenesi, sulla sponda bresciana del lago di Garda.

Dal punto di vista economico la prima attività del Paese è sicuramente quella floro-vivaistica, importante quella turistico-ricettiva, peculiare è la produzione di Olio di Oliva e Vino “Valtènesi DOC” e “Garda Classico DOC”.

Forte è il settore del volontariato, che ha come protagonisti tra gli altri “Le Contrade” del Paese, la “Polisportiva G.B. Vighenzi”, che con i suoi gruppi rappresenta un punto di riferimento per almeno 700 atleti, il “Gruppo 1001” con le serate medievali e il “Gruppo Alpini”. Grazie alla proficua collaborazione tra le associazioni e l’Amministrazione vengono organizzate varie manifestazioni per tutti i gusti.

Le manifestazioni più importanti sono: “Padenghe Verde”, a primavera, il paese si trasforma in un fantastico giardino e ha visto una crescita di importanza tra gli operatori del settore floro-vivaistico.

Il "Padenghe Interbational Jazz Festival" di fine luglio, quando il centro storico si riempie di suoni e atmosfere jazz.

“Padenghe Medievale”, con diecimila visitatori in due giorni è di gran lunga la più partecipata, con sfilate medievali, spettacoli di sbandieratori e fuochi d’artificio con l’incendio del castello.

La “Maratonina Internazionale”, con il forte impegno della Polisportiva e dell’Amministrazione, ogni anno brucia record di presenze tra gli atleti, i quali vengono alla scoperta del territorio attraverso un incantevole percorso tra colline moreniche, ulivi e vigneti.

Sono gli incantevoli panorami, la produzione di qualità e l’ospitalità che rendono il nostro Paese un interessante meta di vacanza ed evasione.

E’ nel corso del I secolo a.C. con il passaggio a Roma del territorio Gardesano che sono presenti insediamenti stabili presso Padenghe. Molte sono le testimonianze della presenza Romana giunte fino a noi, infatti nelle zone di San Cassiano, San Emiliano (il più importante ritrovamento, con un’ampiezza di 7000mq) e Fienile sono presenti resti di ville ed attività agricole.

La chiesa più antica di Padenghe è quella di San Cassiano situata in riva al lago; oggi non esiste più, ma è ricordata dal nome della località e da numerosi documenti. La pieve di S Emiliano del XII secolo in puro stile romanico è particolarmente suggestiva per la purezza dei lineamenti architettonici romanici; si trova su una collina in prossimità del Castello.

Datato intorno all’anno 1000 il castello, costruito in una splendida posizione panoramica a pianta rettangolare, è difeso da tre torri e da un torrioncino esterno.

Tanti gli edifici di culto presenti nel Comune: la chiesa della “Beata Vergine della Torricella” presso il cimitero, recentemente restaurata, quella della “Beata Vergine Maria e di S.Eurosia” di Pratello e la chiesa della Madonna della Neve in frazione di Villa, che custodisce una delle opere su tela più rilevanti a Padenghe, la decollazione di San Giovanni Battista, capolavoro pre-caravaggesco di G.B. Trotti.

La più preziosa è comunque la chiesa Parrocchiale, intitolata a “S.Maria Assunta”, che risale al 1500/1600. Rilevante la pala dell’altare maggiore del Farinati e altre del Bertanza e del Landi. E’ presente anche un famoso Compianto di Beniamino Simoni del 1700.

Suggestivo il settecentesco Palazzo Barbieri oggi sede del Municipio.


+Turismo