+Turismo

Siamo felici che da subito il progetto abbia scatenato molte domande, dubbi, perplessità e, soprattutto, curiosità: se avete voglia di dire la vostra fatevi avanti!


Quando siamo partiti c’è stato chiesto di investire del tempo e delle risorse per rendere disponibile a tutta la zona del Garda Bresciano le competenze che Giovanni ha messo in campo quando ci ha chiesto di riorganizzare il suo sito e la sua comunicazione. Aveva provato su strada che il modello funzionava: oltre al sito siamo intervenuti su una serie di processi (a partire dal famoso Google My Business) e di soluzioni, tipo spostare tutta l’attività in cloud, che gli hanno permesso di lavorare meglio, produrre di più e spendere meno tempo nella gestione di processi semplificabili.

E’ quello che facciamo da sempre: non a caso Green Geek è stata recentemente ospite di Binario F e raccontata da Facebook come esempio di associazione che da sempre lavora sul digital divide per innescare processi di crescita  e miglioramento. Lo facciamo da un pò, Wired lo raccontava nel 2010 quando siamo partiti con il wifi. Dicevamo che sul wifi avremmo fatto girare dei servizi e questi, 9 anni dopo, sono quei servizi.

Perché lo facciamo:

Prima che un consulente per il lago sono un turisto, meglio dire che sono un innamorato. Ci sono cresciiuto d'estate, fin da piccolo, ho imparato ad adnare a cavallo da Giovanni, scalato il monte De Nervo, guardato i tramonti dalla chiesa di Gaino. Ho visto aumentare il mattone, ma non il turismo, mi vengono i breividi quando vedo i sacchetti per le strade secondarie perché non spiegano ai turisti che esiste la differenziata e ho sempre sognato di poter vivere i lago anche d'invernoi (ci passo lameno 4/5 volte l'anno da sempre). Sono per primo un cliente dei tanti ristoranti, B&B locali del territorio,e sraei felice di vederlo tronare a come era un tempo quando a Gaino avevamo pure un distributore di benzina. Scherzi a parte ci piacerebbe davvero fare qualcosa per cambiare sia l'approcio, sia le mentalità che il modo di porsi di molti: se l'approcio dei vicini dei confine fosse preso in maggior considerazione probabilmene ne avremo un beneficio tutti, per primi noi ogni volta che ci verremo come clienti anche d'inverno. 

 

Abbiamo così deciso di supportare l’ennesimo progetto locale: ci sembrava avere buone basi e la possibilità di essere utile a molti, quindi abbiamo deciso di dedicare delle ore di quelle che doniamo all'associazione per provare a fare qualcosa per cambiare qualcosa.

E per evitare dubbi di poca trasparenza, strani progetti già a tavolino da anni che diventano realtà (così pareva descrivere il progetto un giornale locale) ed uscire dalle guerre sia di politiche e di partito che di antipatie e simpatie l’abbiamo fatto rendendo pubblico ogni dettaglio, condividendo in streaming ciò che facciamo e faremo e tenendo in altissima considerazione il parere, i consigli e i dubbi di tutti.

Domani sarà possibile fare domande in diretta, risponderemo alla fine della presentazione, ma è anche possibile farle prima (come abbiamo scritto) o farle ora, compilando il form: risponderemo a tutti ovviamente.


So che ci sono state anche tante critiche e preoccupazioni che sia i giornalisti che gli appassionati del territorio hanno visto passare: non c'è modo migliore che essere lì domani e fare quelle domande di persona, se avete tempo di venire, o fare come Michele, che ringrazio, che ha risposto quasi in tempo reale con quello che sarà la prima voce all’ordine del giorno della prima riunione degli aderenti al progetto che si presenteranno domani: fate come Michele, non c’è miglior cosa che fare qualcosa per cambiare qualcosa. 

A domani

 

Le proposte di Michele: 

Le idee in punti: 

1) favorite più sagre sul lungolago. 

Le sagre sono da sempre stimolo di comunione per i paesi del lago di Garda e avere la possibilità di organizzarla accanto al chiringuito, nello spazio verde di fronte al lago è qualcosa che ben pochi possono proporre. Ovviamente andando a ricercare prodotti tipici del lago e del territorio bresciano: 

-Vino

-Pesce

-Spiedo 

2) Ristorante in decadenza da valorizzare con attività sushi-aperitivo (e funzionerebbe nell’inverno)

Che tipologia di clientela vogliamo attrarre sul lago? Qualcosa che funziona tutto l'anno e che non lascia spazio a tentennamenti in un periodo storico come quello attuale dove la globalizzazione è la parola d'ordine, è il tipico Sushi. Sfruttando la possibilità di valorizzare lo stabile in decadenza (dove verrà costruito un ufficio turismo) che praticamente sorge sul lago si può pensare di proporre un'attività di ristorazione Sushi che si affianca ai già presenti ristoranti che offrono le stesse cose: 

Ristoranti pizza e cibo di lago (giusto per i turisti) 

Pub e Hamburgeria (giusto per coloro che amano l'ambiente informale) 

Bar da aperitivi (giusto per tutti) 

Sushi (giusto per i giovani e per chi viaggia, soprattutto se insediato fronte lago)

Questa attività apparirebbe d'inverno i giovani e gli abitanti del luogo e limitrofi, mentre d'estate sarebbe preso d'assalto da tutti 

3) Terme

Questo è forse il progetto più interessante perché già in target con il tipo di persone che già visitano toscolano maderno. Considerando l'età media del paese, avanzata, si potrebbe pensare di "sfruttare" questo flusso andando ad aprire una struttura simbolica come le terme nel luogo accanto al chiringuito, completamente fronte lago (e quindi posizione super top) andando a rilevare la struttura che è in decadenza ed in vendita da un fondo, se non sbaglio, di Cremona. 

Questo potrebbe essere il simbolo di un turismo sì estivo, ma soprattutto revitalizzerebbe l'intero paese d'inverno che si vedrebbe un flusso di turisti continuo e che, di conseguenza, chiederebbe agli altri punti esplicati in questa email di essere sviluppati. 

Per quanto riguarda l'idea è qualcosa che ho in testa da tempo e che, se interessati, si potrebbe approfondire. 

4) Coworking in zona per richiamare i giovani imprenditori della zona (e funzionerebbe nell’inverno) 

Questo punto, allacciato al punto 3, potrebbe dare una nuova linfa al paese in termini di idee e di vitalità, equilibrando il turismo sfrenato dei mesi estivi al quasi nulla presente durante i mesi invernali. Se collegato al punto 3, inoltre, cambierebbe completamente la fisionomia sociale del paese. 

Ma cosa è un co-working? E' uno spazio/struttura dove i liberi professionisti si ritrovano e ne fanno, dipendentemente dalla grandezza dell'azienda, la loro sede. Questo potrebbe essere un centro d'affari che porterebbe molti benefici per, in un periodo dove i giovani sono sempre più motivati ed indirizzati a creare startup, sviluppare e dare vita a nuove idee di cui beneficerebbe tutto il lago di garda. Brevemente quindi cosa sarebbe questo luogo? 

- Giovani e liberi professionisti che frequentano la struttura e la sua città 12 mesi all'anno in un ambiente completamente diverso rispetto alle grandi città. Oggi tutti cercano la startup ma tutti cercano anche un luogo dove poter lavorare con relax. 

- Dare ai giovani della costa est del lago un luogo di riferimento che unisca e confluiscono tutte le idee che possano dare un beneficio al territorio. Per esempio, sto ideando un servizio di consegna del cibo su tutta la costa del lago di garda ma mi servirebbero imprenditori, liberi professionisti che possano aiutarmi a svilupparne l'idea: questo è il concetto di base del co-working di toscolano. Idee per il lago, sul lago, con base a Toscolano. 

Si potrebbe infine, pensare di coinvolgere il creatore di Talent Garden, il più grande coworking del mondo creato da un bresciano DOC.

5) Queste sono le prime idee che mi sono venute in 30 minuti. 

Purtroppo non sarò presente il 2 luglio ma spero che possiate prendere in considerazione o almeno leggere queste idee. Ci ho messo del mio per cercare di ispirare. 

Cordialmente

Michele 

+Turismo