+Turismo

Riportare le persone a fare sport, uno degli impegni di Decathlon con ottimi benefici sociali, è diventato anche un modo per testare lo sport: regalati un’esperienza sportiva e #condivivi 


Superati i 40 anni ti accorgi sia che rimanere in ottima forma fisica è basilare sia che ogni tanto dovresti riprendere a fare cose che eri abituato a fare, ed è così che il primo pensiero è andato alla kick boxe.

La scusa quella di testare e raccontare l’esperienza possibile grazie a #condivivi, una modalità semplice e facile per testare una palestra o un'attività e gli sport che propone e decidere se è lo sport adatto a te (o ai tuoi figli o a tua moglie).
Quindi, sposato con una ex cintura nera di Karate (sport che anche io ho fatto per qualche anno, fermandomi molto prima di lei e scegliendo poi di proseguire con la kick) ho pensato fosse una buona idea sia di vederla provare l’esperienza di colpire il sacco sia di metterci entrambi alla prova con uno sport che ho amato moltissimo quando ero giovane. Ed è il clima di quando ero giovane quello che ho rivissuto arrivando il palestra alla ABC Palestre. Mixato con una buona dose di simpatia e convivialità del proprietario, Mauro, e la bravura innegabile dello staff e del maestro di Kick Boxing Paolo fanno di questo posto uno di quelli in cui andrei volentieri una o due sere alla settimana, non fosse dall'altra parte della città.
Non solo sport, alimentazione e giusto allenamento, qui si capisce subito che è una piccola famiglia in cui entri a far parte dopo che hai deciso di varcare la soglia e rimetterti in forma, con persone simpatiche, umili, professionali e appassionate che dopo una giornata di duri allenamenti organizzano anche una pizza e una birra sui navigli con i propri iscritti, portando lo sport ad un livello che a noi piace molto, quello del piacere di stare insieme. E è lo stesso clima che trovo quando incontro Paolo, il nostro maestro, uno di quelli che ancora si ricorda di insegnare il saluto prima di un allenamento e che fa del rispetto dell’avversario uno dei principi portanti e fondamentali di qualsiasi arte marziale. Sia che si picchi duro (non è questo il caso) sia che si faccia soft contact rispettare i limiti e le possibilità del proprio avversario rimane la regola fondamentale, la stessa per la quale non devi mai usare nessuna delle tecniche che conosci per offendere ma solo e se necessario per difendere, una culture del rispetto dell’altro che non sempre viene così trasmessa a chi hai di fronte.
Mi è piaciuto molto, pure il fatto che non facesse una piega o non si facesse una risata quando dopo 45 minuti di quello che lui chiama “allenamento leggero” e dopo altri 10 di pugni al sacco crollavo per una pausa di riflessione del tipo “sono un 40enne, abbiate pietà di me”, gentile e sorridente ha continuato tenendo il sacco di una moglie che ancora picchiava pugni e tirava calci come un martello senza fare una piega. Bella location, aperta tutta la settimana con corsi di difesa personale per donne e un fittissimo programma di corsi che vanno dallo Zumba alla Kick, un ambiente familiare e conviviale che ho apprezzato più di ogni altra cosa, personale preparato è il posto ideale anche dove andare a fare tutta la normale attività di allenamento di cui avremmo bisogno ogni giorno, attrezzata con attrezzature all’avanguardia e tutto quello che serve. Ne sono uscito con una lezione, visto che quello ero andato a fare, posso tener testa a Marinella in bicicletta e far sfoggio delle mie gambe bioniche facendo 30 km pedalando senza dolorose conseguenze, e lei mi sta dietro sbuffando, ma se c’è da picchiare duro lei picchia molto più a lungo e con molta più resistenza di me, io ancora smaltisco l’acido lattico in muscoli con non mi ricordavo più di avere. Visto che #condividi permette altre sfide speriamo di rifarci con tiro con l’arco e quella ancora da decidere, devo trovare qualcosa in cui batterla, ormai è una sfida! Bella idea per un regalo natalizio e per diffondere l’abitudine di tenersi allenati, non sono un pantofolaio ma #condivivi mi ha ricordato che se ho voglia di affrontare le piste in sicurezza a Capodanno mi conviene darmi da fare e allenarmi!

Come vivere queste esperienze?

Come puoi anche tu vivere e provare queste esperienza e decidere quale è lo sport che fa per te? Chi possiede la carta fedeltà Decathlon potrà, raggiungendo 200 punti prenotare un'esperienza sportiva tra migliaia caricate sul sito.
In collaborazione con il circuito SportPass gestito dalla società Akuerò potete scegliere tra una vasta gamma di esperienze per adulti e bambini: escursioni a cavallo, divertenti lezioni di danza, riequilibranti sessioni di yoga, emozionanti uscite in canoa, energizzanti allenamenti in palestra, lezioni di tennis, golf, tiro con l’arco e molto altro ancora.

Ogni euro di acquisto dà diritto a 1 punto. Al raggiungimento di 200 punti sarà possibile attivare 1 attività. Vai a sito dedicato e scegli la tua esperienza sportiva con la ricerca libera o guidata. Prenota, o regala, la tua esperienza sportiva!

Una volta prenotata riceverai una email di conferma della tua prenotazione contenente tutte le informazioni ed il codice univoco di prenotazione. 

Il video di Decathlon di presentazione 

La nostra esperienza

Qualche immagine della struttura

+Turismo