+Turismo

La casa delle bici volanti a Bellagio


In Italia ci sono tanti collezionisti.
Li incontri spesso la mattina presto che frugano nei vari stand dei mercatini dell’antiquariato. Normalmente sono molto gelosi delle loro collezioni che tengono chiuse in casa, intoccabili per gli altri componenti della famiglia e che alla domanda: “…ma perché collezioni santini?” o “perché collezioni chiavi antiche?” Non hanno una risposta precisa, spesso rispondono solo “perché mi piace, catalogo tutti gli oggetti e quando non c’è nessuno che mi disturba me li guardo!”

Invece sul lago di Como c’è un’attrazione turistica nuova che nasce dalla passione per le biciclette del falegname Ivan. “Non sono un ciclista” ha detto Ivan all’inviata del Corriere della Sera Anna Campaniello “ma questa passione è nata un po’ per caso ed è cresciuta. Ho iniziato a comprare qualche bici d’epoca e per passione mi sono messo a restaurarle. Però le bici non si possono archiviare e quando il numero è diventato troppo elevato ho cercato la soluzione”. Le ha appese e inchiodate sulla facciata della sua casa e senza saperlo “la casa delle bici volanti” è diventata attrazione turistica grazie ad una foto postata su Facebook che è diventata virale.

A Bellagio tutti vanno per il panorama mozzafiato, le bellissime ville e gli splendidi giardini ma da quest’anno tanti turisti vanno anche per vedere e fotografare la casa delle bici volanti e il proprietario sta già pensando a un museo, se troverà uno spazio aatto, perché ormai la collezione è formata da più di cento biciclette con pezzi storici, una Bianchi da corsa, una bici utilizzata dai pompieri, quella degli spazzini di Milano e persino una dell’esercito svizzero.

Scendendo dal trenino turistico a Bellagio basta chiedere al bar e vi sapranno indicare la casa delle bici volanti, che merita una foto. Vi consigliano anche una chiacchierata con Ivan, ormai super esperto di bici, che elargisce consigli gratis perché dice: è un hobby e hobby deve rimanere e da condividere con gli altri.

Photo Credit Fabrizio Cusa - Corriere della Sera

+Turismo