+Turismo

Categorie e classificazione Sentieri


La segnaletica e le categorie di classificazione dei sentieri varia in base alla difficoltà: sentiero escursionistico, sentiero escursionistico di montagna e sentiero escursionistico alpino. Sono tutti escursionistici, ma cambia profondamente e fornisce ai “trekker” informazioni sui requisiti necessari: passo sicuro, assenza di vertigini, buone condizioni fisiche, conoscenza dei pericoli della montagna e soprattutto equipaggiamento adeguato.

Categoria sentiero escursionistico. I sentieri escursionistici sono sentieri accessibili a chiunque destinati generalmente all’escursionismo pedestre. Si snodano possibilmente lontano dalle strade aperte al traffico motorizzato e sono privi di sovrastrutture in bitume, catrame o cemento. I passaggi ripidi sono provvisti di gradini e i punti con rischio di caduta sono protetti con parapetti. Comprendono passerelle o ponti per superare i corsi d’acqua. I sentieri escursionistici non richiedono conoscenze o abilità particolari. Lo sviluppo altimetrico rimane sotto i 600 metri di dislivello.

Categoria sentiero escursionistico di montagna. Ci troviamo sopra i 600 metri sopra il livello del mare. I sentieri escursionistici di montagna sono sentieri che comprendono parzialmente tratti più difficili rispetto alla categoria precedente. Sono prevalentemente ripidi e stretti e talvolta potrebbero essere esposti. I passaggi particolarmente difficili potrebbero avere corde o catene di sicurezza. I torrenti si attraversano spesso a guado. I sentieri di montagna richiedono all’escursionista un passo sicuro, assenza di vertigini, buona condizione fisica e una buona conoscenza dei pericoli della montagna: cambiamento repentino delle condizioni meteorologiche, caduta di massi, rischio di scivolare e di cadere, chiarezza delle tracce segnaletiche, la quota altimetrica . Non sono sentieri adatti a tutti, ma neanche per pochi. Sono necessari scarponi con suola profilata, un equipaggiamento adatto alle condizioni meteo e carte topografiche per l’orientamento. La segnaletica dei sentieri di montagna è rosso-bianca.

Categoria sentiero escursionistico alpino. Già l’aggettivo rivela dove generalmente si possono trovare. I sentieri escursionistici alpini sono sentieri di montagna impegnativi. Se non si poteva scherzare sulla categoria precedente, su queste vie ancor meno. Sono in parte privi di tracciato e possono comportare l’attraversamento di nevai, ghiacciai, pietraie e ghiaioni o brevi passaggi rocciosi di arrampicata oppure percorrere delle creste. La presenza di tratti attrezzati non è garantita o è limitata alla protezione in punti particolarmente esposti con rischio di caduta. I sentieri alpini richiedono un passo sicuro, assenza di vertigini, ottima condizione fisica, nonché la capacità di usare corda e piccozza e di arrampicarsi con le mani. È indispensabile aver chiaro e conoscere i pericoli della montagna. In aggiunta all’equipaggiamento per i sentieri di montagna, questi richiedono bussola e altimetro e, per l’attraversamento di ghiacciai, corda e piccozza. I segnali di conferma e i segnavia sono sovente gli “ometti” di pietra, mucchi di pietre accumulate ai lati dei sentieri di montagna, piramidi atte a indicare la strada grazie alla loro mole ben distinguibile anche attraverso le nebbie o sotto la neve. Simbolo della presenza umana in territori spesso inospitali.

+Turismo