+Turismo

 
Cattolica fra luci e tradizione dedica alle festività un carnet ricco di eventi


Sarà un Natale indimenticabile seguito a ruota da una fine d'anno scoppiettante per la Regina dell'Adriatico.

Cattolica ha iniziato a celebrare le festività natalizie il 5 dicembre con la “Notte delle Candele” per proseguire sino al 6 gennaio con un susseguirsi di eventi dedicati a grandi e piccini.

Ogni domenica è stata dedicata ad un appuntamento diverso, per regalare alle varie fasce d'età momenti gioiosi.

Il centro città si è vestito a festa, colorato dalla sfavillante presenza di una miriade di luci, che hanno garantito la giusta atmosfera, abbinata ad esempio alle candele natalizie durante la prima 'shopping night' di Natale della riviera romagnola.

Durante tutto il mese sarà un susseguirsi ininterrotto di eventi a partire dalle tante iniziative in programma nel Villaggio di Natale di Piazza Nettuno, dove i più piccoli potranno godere di tutta una serie di appuntamenti dedicati all'animazione e al gioco.

Inaugurato il 6 dicembre il 'Villaggio' godrà della presenza di Babbo Natale, coadiuvato dai suoi Folletti, e sarà caratterizzato dalla presenza continua di laboratori, giostrine e rendez-vous dedicati ai piccoli.

Gli appuntamenti della domenica hanno visto la messa in scena dello spettacolo itinerante dei 'Lunar', alla loro prima apparizione in Romagna. Un clima caldo e festoso quello proposto da  Radio Studio Più con la proposta-aperitivo  “Party on the road”.

Domenica 27 sarà la volta dell'esibizione della “Clown Band”.

Per poter raggiungere agevolmente il centro, e partecipare alle iniziative, il Comune ha deciso di garantire posti auto gratuiti, lasciando a disposizione di chiunque ne vorrà fruire i parcheggi comunali nell'arco di tempo compreso fra il 21 dicembre e il 6 gennaio.

Cattolica non intende essere da meno in fatto di tradizioni natalizie di Romagna.

Per questo durante le festività non rinuncerà al classico vin brulè, alla benedizione del ceppo di legno, che verrà fatto bruciare lentamente come rito propiziatorio, agli immancabili giochi da tavolo.

Ma se di tradizione vogliamo parlare come non ricordare il presepe da quello di sale a quello di sabbia, dalla realtà meccanizzata sistemata in grotta, a quello 'marino' realizzato sui pescherecci o nei borghi.

Il presepe non manca nelle case dei romagnoli, che dedicano molta cura alla preparazione, andando a raccogliere personalmente il muschio nell'entroterra.

Immancabile la tradizione dell'albero, legato ad antiche leggende e storie e a lieto fine come quella del bimbo perdutosi nel bosco ed addormentatosi ai piedi di un abete, fattosi capanna per ripararlo dai rigori dell'inverno.

Cattolica, al pari della Romagna, in occasione delle festività darà il meglio di se a tavola, grazie alla straordinaria tradizione culinaria dei cappelletti in brodo, del bollito, del pane e dei famosissimi tortelli di Natale. Rigorosamente dedicati al pesce i piatti della vigilia.

Il Capodanno vedrà la massima espressione in piazza Roosvelt a partire dalle 21.00.

Una festa dedicata alla musica, che per tutta la notte farà da colonna sonora con proposte italiane e straniere, le stesse che hanno caratterizzato il panorama musicale dagli anni '70 ad oggi.

A partire dalle 23.00 sarà la volta dell'esibizione dell’Umagroso Band, con dj set che accompagnerà i presenti  sino alle prime ore del nuovo anno.

Per avere informazioni più dettagliate sulle festività a Cattolica il consiglio è quello di sfogliare le pagine web di Cattolica.info.

+Turismo