+Turismo

Domenica 26 ottobre Acqualagna darà il via alla sua 49ª Fiera Nazionale del Tartufo bianco pregiato: la manifestazione proseguirà con tanti appuntamenti e iniziative nei weekend successivi, 1-2 ed 8-9 novembre.


Situata nel cuore delle Marche, in provincia di Pesaro e Urbino, Acqualagna ha una secolare tradizione di ricerca, produzione e vendita del tartufo, che rende il suo mercato un luogo di incontro privilegiato per la promozione e la commercializzazione sia a livello nazionale sia internazionale. Acqualagna è infatti sede di raccolta dei 2/3 dell’intera produzione nazionale del prezioso tubero, con circa 600 quintali di tartufo di tutti i tipi. 

La Fiera del Tartufo di Acqualagna brilla anche per tutte quelle attività collaterali alla manifestazione. Oltre agli stand gastronomici dove assaporare piatti tipici (tagliatelle al tartufo, piadina con frittata al tartufo, crostini con crema al tartufo) nel periodo della fiera vengono organizzate mostre, convegni, presentazioni di prodotti ed eventi di grande successo. Primi fra tutti, i cooking show all'interno del Salotto da Gustare, dove quest'anno arriverà lo chef Davide Oldani, e poi le degustazioni al Palazzo del Gusto, dove assaggiare ed acquistare prodotti a km0 ed eccellenze del territorio.

Non è tutto: qua il visitatore può vestire i panni del cercatore di tartufi ed essere accompagnato da esperti del luogo alla ricerca del prelibato tubero portandosi a casa il tartufo trovato! Chi desidera cucinarlo in una cascina abbracciata dalle meraviglie della Gola del Furlo può affittare una delle tante residenze del luogo contattando i tour operator locali. Chi non si vuole avventurare nei boschi, ma desidera conoscere da vicino il cavatore e il fido cane, potrà incontrarlo in piazza Mattei dove i cavatori sono disponibili a prestarsi come veri “vip” del luogo.

Per gli amanti della natura, Acqualagna è il punto di partenza ideale per scoprire la Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo. Istituita con Decreto del Ministro dell’Ambiente il 6 febbraio 2001 (in Gazzetta Ufficiale del 12 giugno 2001 n. 134), si estende su 3.600 ettari di boschi (per il 90% aree demaniali), pascoli e cime incontaminate. Si tratta di un autentico paradiso, dove la suggestione del paesaggio si unisce a una prodigiosa ricchezza naturalistica che vanta esemplari di flora e fauna davvero singolari. Basti pensare all’aquila reale, al falco pellegrino, al gufo reale, al picchio muraiolo, alla rondine montana, al rondone maggiore e al gracchio corallino. E poi al Furlo vivono lupi, caprioli, daini, cinghiali. La vegetazione che ricopre le cime del massiccio è costituita in prevalenza da querceti con roverella, carpino nero, orniello, acero, sorbo.

Info Fiera – Ufficio Turistico: Tel. 0721/796741 turismo@acqualagna.com

http://acqualagna.com/

+Turismo