+Turismo


Natura e storia lungo la strada del vino di Candia e Lunigiana attraversato in treno+bici con il progetto Parco Bike. Il progetto Parco Bike nasce con l’obiettivo di promuovere il turismo sostenibile all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano grazie all’utilizzo di biciclette a pedalata assistita.
Il parco nazionale vanta un territorio ideale per la pratica del cicloturismo, con un gran numero di strade minori poco o per nulla frequentate dal traffico motorizzato, ideali quindi per essere percorse in bicicletta.
L'obiettivo è quello di un turismo di qualità, attento ai beni ambientali e culturali e alla loro salvaguardia. L’intento è di creare un sistema per la fruizione sostenibile dell’area protetta, cambiando innanzitutto le tradizionali modalità d’accesso al territorio del parco nazionale: sotto questo punto di vista giocano un ruolo chiave le stazioni ferroviarie poste lungo la tratta Parma-LaSpezia e la Aulla-Lucca.

La formula treno+bici risulta essere infatti vincente per ridurre la mole di traffico motorizzato, permettendo un “viaggiare” più economico, meno stressante e più salutare. Molti dei percorsi individuati partono dalle stazioni ferroviarie, dove è possibile non solo ritirare la propria bicicletta a pedalata assistita – dotata di navigatore GPS e borse da cicloturismo – ma anche di usufruire del trasporto bagagli dal punto di partenza a quello di arrivo. Che il tour scelto sia della durata di un weekend o di una settimana, quello che il turista deve fare è solo godersi le bellezze naturali del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Per saperne di più e organizzare la vostra escursione vi rimandiamo al sito ufficiale.

 

 

+Turismo