+Turismo

Informazioni

Tour cicloturistico che permette di entrare in contatto con tutti gli aspetti del territorio trevigiano, combinando la scoperta delle sue bellezze storiche e naturali attraverso una vacanza attiva in sella ad una bicicletta.

Treviso, affascinante cittadina medievale situata appena sopra Venezia, è il punto di partenza di numerosi percorsi ciclabili locali ed internazionali grazie ai quali, nei mesi tra marzo e novembre, è possibile godersi delle splendide pedalate.

Gli itinerari sono piuttosto vari ed alcuni possono essere effettuati come escursione giornaliera; uno di questi segue il tracciato di una vecchia ferrovia in disuso per poi deviare lungo un sentiero dedicato all’antica famiglia degli Ezzelini.

Il primo tratto (26 km) percorre la ciclabile Treviso – Ostiglia, un lungo percorso che ricalca la tratta ormai in disuso dell’omonima ferrovia che collegava Treviso alla provincia di Mantova passando accanto a Padova. La ferrovia militare Treviso – Ostiglia venne realizzata agli inizi del XX secolo e si concluse nel 1941 per essere poi utilizzata per il trasporto di truppe ed armamenti nel corso della Seconda Guerra Mondiale, finché non venne resa inservibile dai bombardamenti degli Alleati nel 1944 e definitivamente chiusa nel 1997. La sua conversione a percorso cicloturistico è ancora in corso ma il tratto che va da Treviso alla provincia di Padova è perfettamente praticabile e permette di pedalare lungo un tracciato immerso nel verde della Pianura Padana in completo relax.

Il punto di partenza è presso Porta Santi Quaranta, nel centro storico di Treviso, da cui ci si dirige verso Quinto di Treviso attraversando la periferia cittadina e si prosegue in linea retta attraverso la pianura fino ad oltrepassare il paese di Piombino Dese e giungere a Loreggia, un altro centro abitato in cui la Treviso – Ostiglia si interseca con un’altra ciclabile: il Sentiero degli Ezzelini. Percorrendo per circa 10 km questo tracciato attraverso i campi coltivati e seguendo per un tratto il fiume Muson, si arriva ad una delle città murate di origine medievale meglio conservate: Castelfranco Veneto. Qui una passeggiata nel piccolo ma imperdibile centro storico è d’obbligo prima di rientrare a Treviso.

Dormire

L’itinerario proposto può essere percorso in giornata ma, per coloro che lo desiderano, Treviso offre diverse opzioni di strutture bike friendly tra cui scegliere per un pernottamento. Coloro che prediligono uno storico hotel in pieno centro, dentro le mura cittadine, potranno godersi l’elegante Hotel Continental mentre invece chi desidera un albergo che offra anche un servizio ristorante specializzato in cucina tradizionale trevigiana e veneta si troverà a suo agio presso l’Hotel Al Fogher, situato a breve distanza dal centro cittadino. Infine, i confortevoli appartamenti del Residence Palazzo Brando, struttura collocata a due passi dalla stazione dei treni e delle corriere, garantiscono l’utilizzo di una cucina ed ampi spazi.

I cicloturisti che preferiscono invece soggiornare a Castelfranco Veneto hanno a disposizione il già citato Hotel Ristorante Fior, il quale offre ai propri ospiti un ampio spazio esterno completo di campo da tennis e piscina.

Mangiare

Una tappa consigliata, situata proprio lungo la Treviso – Ostiglia dopo appena una manciata di chilometri dalla partenza, è l’Opendream Green Bike Hub. Questa evocativo complesso accoglierà, dopo l’ormai prossima inaugurazione nella primavera 2019, tutti i cicloturisti desiderosi di una sosta presso una struttura in cui la passione per la bici è di casa. Qui sarà presto possibile godersi genuini prodotti enogastronomici presso il bistrot grazie a menù salutari dedicati agli sportivi, scoprire mostre d’arte e usufruire di servizi specifici per cicloturisti ed e-bikers, tutto all’interno degli spazi recentemente riqualificati dell’ex fabbrica di ceramiche Pagnossin.

Un’altra tappa raccomandata per chi desidera gustare le tipicità locali è l’Hotel Ristorante Fior a Castelfranco Veneto; luogo di ristoro immerso nel verde di un ampio parco, questo ristorante punta sulla qualità e sull’innovazione, offrendo ai suoi ospiti una cucina caratterizzata da semplicità ed estro creativo.

Consigli in Zona

Servizi ai cicloturisti

Il negozio specializzato in biciclette ed e-bike Andrea Lenzini Cicli offre a coloro che desiderano percorrere questo itinerario senza utilizzare mezzi propri la possibilità di scegliere tra un’ampia gamma di bici muscolari o a pedalata assistita, caschetti ed ogni altra attrezzatura utile ad un tour su due ruote.

Cycling in the Venice Garden

Cycling in the Venice Garden è un’iniziativa dedicata ai cicloturisti di tutto il mondo che vogliono vivere il Giardino di Venezia e scoprire questa destinazione turistica ideale per chi ama la vacanza attiva, le città d’arte, le tipicità locali e l’autenticità dell’accoglienza.

Strutture ricettive, servizi per il cicloturista, itinerari in bicicletta, percorsi inediti, pacchetti turistici per ogni tipo di cicloturista, ecco quello che abbiamo raccolto il questo portale dedicato al turismo in bicicletta. Con orgoglio condividiamo con tutti gli internauti il frutto del progetto Cycling in the Venice Garden, un’iniziativa nata da dieci imprese del territorio trevigiano coordinate dal Consorzio Marca Treviso (da poco convertitosi in Fondazione), grazie all’opportunità di creare una rete di imprese data dal POR FESR 2014-2020.

+Turismo