+Turismo

Informazioni

Nel cuore di Brera, quartiere di arte e di cultura per eccellenza, c'è un nuovo e interessante indirizzo dell'ospitalità di charme: l'Hotel Milano Scala.

La struttura, situata in uno storico palazzo di fine Ottocento che si affaccia su via dell'Orso, ha la prerogativa di una duplice attrazione: quella di ispirarsi nel nome, nel concept e nel design alla grande tradizione lirica meneghina e di essere il primo hotel a Milano (e uno dei pochissimi in Italia) a emissione zero.

A tutta lirica

I rimandi all'opera sono presenti nelle aree comuni, con immagini a grandezza naturale di melodrammi e backstage, oggetti quali strumenti e spartiti e una libreria tematica. La posizione stessa delle stanze richiama il mondo del palcoscenico: la maggior parte di esse affaccia, infatti, su un'antica corte interna circondata da balconate ricoperte di gelsomino, così come i palchi di un teatro guardano la scena. 

L'arredamento di ogni stanza riconduce ancora una volta al tema musicale, grazie a gigantografie a parete che provengono dall'Archivio Storico del Teatro alla Scala e ai tendaggi, tutti in colore rosso Scala o grigio tortora. 

Le dieci suite alcune soppalcate e dislocate su due piani sono ognuna dedicata a un'opera lirica diversa, come il Don Giovanni, l'Aida, o la Madame Butterfly. All'ultimo piano c'è la Sky Terrace, una terrazza che offre una vista spettacolare a 360° sulla città.

Il Km 100

Continua il direttore: "Abbiamo qualificato le nostre proposte gastronomiche a Km 100: la cucina, che s'ispira alla tradizione lombarda, milanese in particolare, utilizza prodotti territoriali. Le linee guida dello chef Samuele Lu - 27 anni, milanese - per il ristorante La Traviata combaciano con la filosofia dellHotel Milano Scala".

I prodotti dai formaggi alle carni, dal riso Carnaroli ai vini dellOltrepò provengono da produttori del territorio, selezionati per freschezza e qualità, e compongono un menù d'ispirazione mittel-lombarda, rivisitata con un tocco di modernità. Ecco quindi il Risotto Milano Scala, preparato con Rosso dellOltrepò e miele, e La Milano, costoletta di vitella particolarmente leggera e croccante, o i Ravioli di Como alle ortiche, con salsa alle noci e scaglie di Padano DOC. Le erbe e gli aromi, come il timo, il prezzemolo o la maggiorana, provengono dall'angolo verde situato sulla terrazza panoramica.

Un incontro speciale

"La nostra clientela è quella del business e della lirica, ma è anche eco sensibile".

E, infatti, compare, ospite dellHotel, Beppe Grillo - il suo blog , tra quelli in lingua italiana, il più letto nel mondo - che ci regala un paio di battute sul tema dellenergia: "Bisogna fare un discorso più aperto, che non sia strettamente economico: ci vuole una politica etica dell'energia e deve esserci un progetto globale. Ci mancano la politica, le regole, le certificazioni sicure e il controllo. E' giusto che tutti dobbiamo pagare un pochino di più, ma non può essere il doppio o più del doppio".

"In un momento in cui affrontare le tematiche ambientali e dei cambiamenti climatici diventata un'importante priorità, l'Hotel Milano Scala lancia un forte segnale", aggiunge Maurizio Faroldi. "Il progetto di ospitalità a emissione zero dimostra che sono possibili, anche nel mondo dell'hotellerie, tecnologie che azzerino l'inquinamento atmosferico, nel pieno rispetto dell'ecosistema e in linea con l'obiettivo di porre un freno al cambiamento climatico".

"Certo - ammette il direttore - un percorso come il nostro non è scevro da peccati, si può fare altro e di più. Per il momento, è un sasso lanciato nello stagno, con un'onda ad ampia propagazione. 

Punteggio Protocollo Green PiuTurismo: 2/8

  • Utilizza energie alternative
  • Mette in atto dei processi Green (es. diminuzione di spreco d'acqua)


Il lato Green

L'hotel produce energie senza bruciare alcun tipo di combustibile e senza rilasciare così CO2 nell'ambiente. Il processo avviene attraverso un sistema di climatizzazione che funziona grazie alla tecnologia delle pompe a recupero di calore evitando, quindi, l'utilizzo di caldaie; le pompe, a loro volta, sono alimentate a elettricità, acquistata esclusivamente da provider di energia pulita

"Tutto ci permette di non immettere gas inquinante nell'atmosfera - rileva il General Manager Maurizio Faroldi - che con l'utilizzo di un sistema tradizionale sarebbe stato pari a 417,5 tonnellate l'anno. La produzione energetica a scambio di calore che rappresenta una soluzione innovativa, poiché in un palazzo nel cuore del centro città non sarebbe stato possibile ricavare energia sufficiente da impianti solari o eolici permette un risparmio energetico annuo pari al 45% rispetto ai sistemi tradizionali". 

"La vocazione dell'Hotel Milano Scala all'ecosostenibilità si esprime in altri accorgimenti virtuosi", aggiunge Faroldi. "La compartimentazione dei muri perimetrali dell'edificio che ospita l'hotel, è fatta in modo da permettere il massimo contenimento delle dispersioni di calore; mentre, nelle camere, le finestre con contatti magnetici bloccano il funzionamento degli impianti in caso di apertura. L'erogazione di riscaldamento e raffreddamento degli ambienti e i relativi consumi è diretta da un sistema intelligente di controllo".

Per l'illuminazione delle camere e delle aree comuni si è provveduto all'uso di faretti a LED; la rubinetteria dei bagni è dotata di filtri che riducono il flusso dell'acqua, i prodotti di cortesia sono biodegradabili, e nelle cucine sono state adottate piastre a induzione, che limitano la dispersione termica, e forni a convenzione termo-ventilata.

Ulteriori accorgimenti sono un limitato uso della plastica, l'impiego di carta certificata FSC (proveniente da foreste controllate e rimboschite), auto di cortesia ad alimentazione ibrida e la scelta di una tintoria certificata ecolabel per lavare la biancheria.