+Turismo

Grado: l´isola del sole, del mare e delle terme. Dal lungomare alle ciclabili interne, seguiteci in questo video alla scoperta di questa meravigliosa città.


Iniziamo da significato della parola Grado: accumulo di ghiaia o sabbia in un letto di fiume. Ma vuol dire anche "scalo", in quanto nacque come primo approdoper le navi imperiali romane che risalivano il fiume Natissa fino ad Aquileia. Grado è laguna, una laguna che comprende circa 30 isole e copre una superficie di circa 90 chilometri quadri. Oltre all'isola maggiore, sono abitate stabilmente anche l'isola della Schiusa, collegata a Grado con due ponti, e l'isola di Barbana.

Una terra ricca di storia, i cui ritrovamenti archeologici rivelano l'antichissima via romana, ora interamente coperta dall'acqua, che collegava Aquileia al suo scalo di Grado. 
E poi a dimostrare la storia di questa città e della sua laguna:  la presenza dei casoni, caratteristiche abitazioni con tetto di paglia che ci riporta indietro nel tempo in cui erano abitate dai pescatori. Casoni che esistono ancora oggi, alcuni abbandonati, altri recuperati e diventati degli alberghi diffusi. Alberghi raggiungibili solo in barca, isolati e immersi nella natura, dove il silenzio farà da padrone alle vostre giornate o nottate li. Per me è stata una fantastica esperienza dormire li. Arrivare alle 8 di sera, in tempo per il tramonto e godere di ogni sfumatura, di ogni immagine, di ogni colore che la laguna mi regalava. Farmi la doccia e sistemarmi e poi riuscire dal casone per stare con la testa all'insu' a guardare la luna e le tantissime stelle che illuminavano la notte. Nessun inquinamento luminoso, niente rumori, nessuno che passava; siete solo voi e la natura. E' un'esperienza che arricchisce ed emoziona. E poi.. come me vorrete tornare!

Un'altra cosa da fare a Grado è muoversi in bicicletta. In sella alla bici scoprirai quanto è bello pedalare nel territorio della Venezia-Giulia, ricco di storia e di peculiarità paesaggistiche ed enogastronomiche. 

Buona visione!

+Turismo