+Turismo

10 cose che non devono mancare sul tuo sito web.


Dall’ispirazione alla prenotazione diverse sono le fasi che il turista compie nel scegliere la sua meta. Vediamole:

Fase 1 - Sogno o ispirazione : avviene tramite passaparola con amici, social network, portali, riviste, ricerche generiche.  

Fase 2 - Pianificazione:  con agenzia di viaggio, social network, portali (booking, venere ect) , motori di ricerca, siti di recensioni. 

Fase 3 - Prenotazione: può avvenire sui vari portali che ospitano le strutture ricettive (booking, venere, homeaway, holidaylettings)  o sul sito privato della struttura   

Fase 4 - Esperienza:  e qui avviene vera e propria vacanza, il turista vive la sue esperienza sulla base di guide, mappa con cose da visitare, applicazioni, eventuali consigli che gli avete dato voi con il vostro sito.

Fase 5 e ultima - Condivisione (sharing):  con l'avvento dei social network questa avviene anche durante l'esperienza ormai. Il turista posta e diffonde foto della sua vacanza mentre è in viaggio. Ma al suo rientro sicuramente provvederà a fare le varie recensioni su tripadvisor o altri siti di recensioni, scriverà magari qualcosa sul suo blog e sui suoi canali social.

Nella fase di pianificazione il turista sceglie la struttura in base a diverse caratteristiche:

  • quali servizi offre,
  • intrattenimento per bambini ( se è una famiglia),
  • prezzi (di solito è la pagina più visitata di un sito web),
  • ristorazione e cibo (preferibilmente a km0),
  • cosa fare e vedere in zona
  • foto … video, foto e ancora foto!

Il viaggiatore fa una lista di mete, confronta e valuta opzioni e sceglie l’offerta migliore. E’ importante per voi, struttura ricettiva, essere in questa lista :-)

A questo punto la domanda è, come posso promuovermi al meglio per essere scelto dal turista?

Sicuramente il primo passo è avere un sito internet responsivo e mobile friendly con blog costantemente aggiornato. 

Ecco 10 cose che non devono mancare assolutamente nel vostro sito 

  1. contatti ben visibili e se possibile direttamente in home page con possibilità di iscriversi alla newsletter.
  2. menu semplice e facile da navigare; 
  3. indicazione dettagliata del luogo in cui vi trovare. Meglio ancora sarebbe indicare le coordinate gps (si recuperano con google maps). E indicazioni di come raggiungervi (treno, aereo, macchina, mezzi pubblici);
  4. sito multilingue;
  5. raccontare cosa c’e’ in zona e cosa possono vedere e che attività possono fare intorno a voi, eventi, fiere, 
  6. foto, tante foto soprattutto degli appartamenti/camere ben visibili e non troppo piccole;
  7. prezzi aggiornati e ben in chiaro ed eventuali offerte per periodi specifici;
  8. servizi che avranno a disposizione (wifi,  barbecue, animali ammessi ect);
  9. sistema di prenotazione interno al vostro sito in modo che il turista possa subito prenotare dal vostro sito e mandarvi la richiesta;
  10. canali social in cui siete presenti e che dovranno aiutarvi a diffondere il vostro sito e a comunicare quello che fate e chi siete, 

E adesso? Ho creato il mio sito ... cosa devo fare? Come faccio a essere primo nelle ricerche di google?

Quante volte ci avete fatto questa domanda? Non esiste la formula magica e non basta sono un buon lavoro di Seo ( Search Engine Optimization, in acronimo SEO, tutte quelle attività volte a migliorare il posizionamento nei motori di ricerca).  Bisogna tenerlo costantemente aggiornato. Google deve sentire che lo aggiornate con frequenza e con contenuti di qualità. Scrivete di voi, della vostra storia, raccontate cosa possono fare i turisti intorno a voi, che attività ci sono, fiere o eventi particolari, raccontati prodotti tipici del luogo, aneddoti, leggende. Insomma di materiale e di idee se ne possono avere tantissime! Questo richiede impegno e lavoro. Ma è utile per farvi conoscere e attirare clienti.

Seconda costa da fare... monitorare. Tenere costantemente monitorato il proprio sito, Google Analytics è gratuito e vi permette di avere tantissimi report per capire da dove arrivano le visite al vostro, da che area geografica, età, quanta gente arriva al sito dal social nwtwork, le pagine che piacciono di più ect ect

Solo monitorando potete capire se la strada intrapresa è giusta, cosa cercano i vostri turisti, che articoli scrivere, a cosa dar risalto.

Altri consigli?

Rispondete velocemente alle mail che vi arriveranno dal sito. Il turista oltre a voi avrà mandato mail a tante altre strutture. Dovete essere veloci e reattivi.

Proponete l’iscrizione alla vostra newsletter, è un altro modo per mantenere i rapporti con i vostri clienti attuali e futuri clienti. Mandategli auguri per le feste, fategli sapere eventuali vostre offerte, raccontategli nuovi itinerari da fare intorno a voi.

Potrei darvi tanti altri consigli. Approfondiremo l'argomento nei prossimi articoli.

+Turismo