+Turismo

Sostenibile, è il grido di battaglia del progetto, ed è stato dal primo momento il nostro intento. Ora che iniziamo a fare i conti con quante aziende riescono ad esserlo abbiamo deciso di darci da fare (ancora di più).


A quasi un anno dalla nascita della società PiuTurismo ha deciso di fare ancora di più (e meglio) per spingere quante più aziende possibili verso le migliori performance e scelte in tema di sostenibilità.

Per farlo ha radunato un nuovo team, capitanato da Silvia, che si occuperà d’ora in poi di aiutare tutte quelle aziende che vogliono migliorare e ridurre i loro impatti e i loro consumi.

Iniziamo con questo contributo, che affronta il primo dei punti della guida I luoghi di Piuturismo, e uno degli 8 video appuntamenti in cui lei e il resto del team spiegheranno i punti presenti nel questionario, come affrontare al meglio la gestione e quali siano le tendenze del mercato e delle norme per trarre dei benefici dalle scelte messe in campo.

Non crediamo che essere green si possa legare solo ed esclusivamente a motivi di marketing o di incentivi, e il programma de I Luoghi di PiuTurismo nasce proprio con lo scopo di ricambiare in visibilità e in promozione tutte quelle aziende che fanno del green un valore, sostenendo il progetto con il supporto di tutte le aziende che si avvalgono della nostra consulenza per migliorarsi e non per fare il cosiddetto Greenwashing.

Detto che più di 114 aziende delle quasi 3.000 iscritte hanno superato il questionario dimostrando di aver operato nel migliore dei modi, molte altre non lo hanno superato e molte non sanno esattamente come e quali scelte fare per ottenere questo risultato. A queste abbiamo da subito reso disponibile una guida (che è ovviamente purtroppo ben più lunga del questionario, di 50 punti) cartacea liberamente consultabile e scaricabile.

I video sono la prima di una serie di soluzioni per rendere interattiva e giocosa la sfida, cercando di viralizzare il più possibile il concetto dell’ospitalità sostenibile tra gli operatori e pagando quelli più rigorosi in visibilità e promozione.

Il protocollo de I luoghi di PiuTurismo è stato redatto e studiato con il team di WWF Turismo Responsabile, e contiene oltre 10 anni di studi e sperimentazioni fatte con Le Fattorie del Panda (tutte oggi presenti e promosse da PiuTurismo). 

Lo scopo di diffonderlo, farlo compilare e mettere alla prova i gestori è quello di sensibilizzare quanto più possibile, dal basso, gli operatori sul territorio e i viaggiatori a regole e buone pratiche per migliorare la propria esperienza, da un lato, e la propria qualità dall’altro.

Stiamo lavorando alla dettagliata Google Maps per presentare e diffondere a tutti la selezione delle migliori strutture italiane, pubblicandola in un formato aperto che permette a chiunque di averla sempre aggiornata direttamente nel proprio account Google: in questo modo la mappa potrà essere embeddata su altri siti, diffusa e consultata e, soprattutto, verrà costantemente aggiornata con le nuove strutture che passano il questionario.

In questo modo loro, e solo loro, potranno godere di una maggiore e continua visibilità, e riuscire ad entrare in questa “cerchia ristretta” non è difficile: basta adeguarsi a quegli standard che ci permettono di risparmiare energia, preservare e promuovere il territorio e salvaguardare l’ambiente.

Come si mantiene il progetto?

La scelta è stata quella di dare due fasce di consulenza: quella gratuita, di supporto alla diffusione delle buone pratiche, e quella a pagamento, che permette agli imprenditori e ai gestori (e molto spesso anche allo staff) di migliorare qualitativamente, tecnologicamente e digitalmente la propria struttura. Questa parte di attività, che ci vede giornalmente impegnati a gestire piani di comunicazione e marketing o a progettare impianti e soluzioni per nuove realtà, ci consente di trasmettere la nostra esperienza attraverso il sito a tutti e ci porta regolarmente contatti e contratti per la gestione di progetti.

Non puoi avere dei social network curati se non hai un sito fatto bene e responsivo; non puoi avere un bel sito se non hai delle belle foto e dei video scenografici Ci sono vari modi di gestire il cliente: sono tutte tematiche del progetto formativo Turismo 3.0 - come cavalcare l’onda? (d’aula o online) che ha raccolto alla prima edizione 12 persone in aula e più di 100 online su Hangout e Youtube. 

E´ solo l’inizio (o la prosecuzione naturale) di un percorso in cui i 30 anni di esperienza nella formazione e nella gestione del cliente di Andromedia Sas sono stati messi a sistema sia per formare il nostro team di formatori, sia per iniziare ad erogare un servizio di formazione professionale di alto livello ma accessibile a tutti anche dalla propria scrivania.

Oltre a raccontarvi gli splendidi risultati del sito ad Agri Travel Expo faremo formazione d’aula e in streaming (seguiteci e registratevi per avere tutti i materiali). 

E inizieremo a raccontare tutto questo: le migliori esperienze del settore, anche attraverso Teleambiente e la televisione tradizionale, stimolando viaggiatori e operatori a fare sempre di più e meglio nell’ecoturismo. 

Presenteremo anche il nuovo sito su cui siamo al lavoro da settimane, un listino e un blog di supporto tecnico e specifico per gli operatori con la raccolta di tutti gli interventi formativi e il rapido accesso al team dei consulenti, per poter avere assistenza, formazione e supporto in modo chiaro e semplice attraverso hangout o di persona.

Insomma, tantissime novità, continuate a seguirci e ci vediamo in fiera!

+Turismo