+Turismo

Siamo in sopralluogo presso l’Oasi WWF GROTTE DEL BUSSENTO di Morigerati, piccolo borgo nascosto fra i monti cilentani. Il Centro Visite risiede presso un vecchio casolare in pietra con un grazioso giardino antistante: ogni angolo e qualsiasi dettaglio rispecchiano il rigoglioso paesaggio che ci circonda; l’ambiente è semplice e curato. 


Il Centro è gestito da tre cordiali ragazze: Caterina, Felicia e Demetria. Rivolgiamo alcune domande a Demetria, la responsabile del Centro.

- Quali sono gli aspetti più difficili della tua attività? L'essere lontano dai grandi centri non favorisce gli spostamenti per chi non ha l'automobile per raggiungerci”. Il Cilento resta uno fra i polmoni verdi del nostro paese ma purtroppo, e forse per questo, è tale in quanto le strade per raggiungerlo sembrano interminabili e spesso critiche.

- Quali sono gli aspetti che più ti appassionano della tua attività?- “L'approccio con persone di varie culture ed etnie. Condividere esperienze ed emozioni con chi non è abituato a vivere a stretto contatto con la natura”. Negli ultimi anni il Cilento è stata la meta per le vacanze estive per oltre 4 milioni di turisti con un incremento annuo pari al 10%. Fra questi molti sono stranieri, soprattutto europei, ma non solo: qui arrivano anche molti americani ed orientali. L’attrattiva principale è soprattutto il mare incontaminato, ma poi, una volta giunti qui, la curiosità li spinge verso l’entroterra dove, fra distese interminabili di monti verdeggianti, si rivelano posti incantevoli come quest’Oasi. Per chi vive in città, spazi come questo sono una continua scoperta ed un’esperienza emozionante! Ed allora iniziamo, almeno da qui, ad ambientarci:

-Quali sono gli animali più presenti nell’Oasi?- “Rane, farfalle e libellule, lucertole, pipistrelli, volpi, martore, faine, tassi, rapaci e corvidi, passeriformi...”

-...e quelli più rari?- “la lontra, il gambero di fiume, la salamandra”. Effettivamente è emozionante già solo immaginare di incontrare lungo il nostro percorso uno di questi animali.

-Di questi, qual è il periodo migliore per l’avvistamento e con quale frequenza?- “In primavera ci sono più possibilità di avvistare la fauna. La maggior parte degli animali che vive nell'Oasi ha abitudini notturne”.

-Quali problematiche rendono difficoltosa la loro sopravvivenza?- “L’eventuale inquinamento e la distruzione del loro habitat”.

-Quali sono le domande più frequenti dei visitatori? "Si vedono animali? Possiamo toccare l'acqua del fiume?" “...Noi rispondiamo che di animali ce ne sono tanti ma bisogna fare attenzione e tanto silenzio per non spaventarli e farli andare via; ovviamente lasciamo la possibilità ai visitatori di rinfrescarsi con le acque del fiume purchè rispettino l'ambiente che li circonda”.

-Quali sono stati negli ultimi anni gli interventi che hanno favorito il loro ripopolamento?- “Sicuramente la conservazione del loro ambiente naturale”.

-Secondo te com’è possibile recuperare l’equilibrio tra uomo e natura?- “Sensibilizzando le nuove generazioni ed inasprendo le pene per chi commette atti a danno dell'ambiente”.

-Perché viaggiare?- “Per la conoscenza ed il confronto”.

-E perché scegliere WWF?-Perché il WWF è sinonimo di qualità, sicurezza, tutela”.

-Cosa potrebbero fare concretamente i sostenitori per aiutare il lavoro dei volontari WWF?-Visitare le oasi!”.
Ed allora andiamo! ...Caterina, Felicia e Demetria ci aspettano, ed anche noi tutti di WWF travel.. Intanto... -Demetria... ci vuoi raccontare qualche aneddoto? "Un giorno un tale entrando nel centro visita esclamò -arò stà u panda?-”

Pronti a scoprire il magico viaggio di WWF Travel in Cilento?

Buon viaggio! Katia Gallo Direttore Tecnico WWf travel

+Turismo