+Turismo

Il carnevale e’ alle porte.

 

 


Il carnevale e’ alle porte.
Una moltitudine di paesi e città si preparano per festeggiarlo nel migliore dei modi con colorate, sia grandi che piccole, sfilate allegoriche e feste goliardiche.
Tuttavia a Caraglio, oltre a ciò c’è altro.
È  il momento di un gesto particolare, non comune, che affonda le radici in un tempo ancestrale e  che lega la tradizione con la leggenda.
È  il rogo del cicio;  un grande  pupazzo che impersona il “Dusu”, antico signorotto locale, despota  che imponeva alle giovani ragazze del contado caragliese, il “Jus primae noctis” , ovvero il diritto della prima notte il giorno  delle nozze.
Ma una giovane  sposa caragliese si ribellò a tale imposizione uccidendo, in una notte buia e tetra, il tiranno.
Si chiamava Cecilia e il suo gesto provocò la scintilla della rivolta capeggiata dal suo fidanzato: Roldano.
Le colline si infiammarono e la notte si infuocò.
Era il segnale atteso e anche le comunità vicine si unirono alla lotta.
Da quel gesto di rabbia e disperazione nacque la speranza di una nuova vita,come dall’inverno alla primavera.
Da quel gesto d’onore sorse una nuova libera città: Cuneo.

Quest’ anno il gesto liberatorio e propiziatorio avverrà domenica 5 febbraio 2016, dopo la sfilata dei carri e del corteo mascherato, nella centrale piazza Cavour.
Non esserci e’ un peccato.

 

 

+Turismo