+Turismo

Nella settimana della memoria “SHOAH” celebra la fine di un incubo e il ritorno ad un'umanità degna di questo nome affinché mai più si ripetano Shoah nel mondo, di nessun genere e sotto nessuna forma. 


Nella settimana della memoria “SHOAH” celebra la fine di un incubo e il ritorno ad un'umanità degna di questo nome affinché mai più si ripetano Shoah nel mondo, di nessun genere e sotto nessuna forma. 
Ricordare tutte le persecuzioni di cui sono state vittime donne e uomini di ogni età in quel particolare periodo storico, non solo di cultura ebraica ma anche rom, slavi, sinti, omosessuali, diversamente abili e tutti i diversi, deve rappresentare un deterrente per chiunque nutra sentimenti di superiorità nei confronti dei propri simili. 
Shoah vuole essere perciò un invito a collegarsi a quanto di più alto alberga nello spirito umano, a manifestarlo e a farsene testimoni in ogni singola azione, parola e comportamento quotidiano affinché, come afferma Nelson Mandela, sia possibile espandere il contagio del rispetto e dell'amore universale. 
Attraverso la musica, il canto e la parola noi ci proponiamo tutto questo.
Lasciatevi contagiare...
con la voce recitante di Cristiana Castelli, il canto della soprano Silvia Costanzi, la musica del sassofonista Elmar Schäfer.

+Turismo