+Turismo

Il primo moai nato al di fuori dall'isola di Pasqua si trova nel cuore d'Italia, a Vitorchiano, nella Tuscia.


Seduto, con volto impassibile, figlio della stessa materia sulla quale a suo fianco s'erge sulla rupe rocciosa il borgo medievale di Vitorchiano.

Stona un po' vederlo lì, bisogna dirlo, ma affascina pensare che mani venute dall'estremo punto opposto del globo hanno scelto proprio questa pietra lavica, il peperino, così simile alla loro, figlia del fuoco che ha dato vita alla loro terra, l'isola Rapa Nui (Grande roccia).

E così succede che alla fine degli anni '80 undici indigeni maori della famiglia di Juan Atan Paoa , invitati da una trasmissione RAI (Alla ricerca dell’Arca), da questo enorme blocco di peperino, con asce manuali e pietre taglienti, con mani esperte e con la tecnica tramandata da generazioni hanno dato corpo e volto al guardiano di Vitorchiano.

Ancora non è certa la loro funzione nell'isola, tra le ipotesi che siano simbolo di contatto con gli spiriti degli antenati,

...voglio pensarla anch'io così, che attraverso i suoi occhi, nella sua carne fatta della stessa materia del paese sullo sfondo, i nostri antenati ci sorvegliano e ci proteggono!

+Turismo