+Turismo

Sabato 21 e domenica 22 maggio si terrà al Superstudio Più, in via Tortona 27 a Milano (ingresso libero) Change up! Scelgo io


Sabato 21 e domenica 22 maggio si terrà al Superstudio Più, in via Tortona 27 a Milano (ingresso libero) Change up! Scelgo io.

L’evento è dedicato agli acquisti responsabili per vivere sani, felici e senza sprechi; saranno presentati marchi e prodotti ecologici e sostenibili che riguardano food&wine, moda, bellezza, arredamento, tecnologia, editoria, energia…

Abbiamo incontrato le persone che hanno ideato, realizzato e curato questa specialissima piazza, il team di Ethical Press.

Raccontateci chi siete…

Ethical Press è un ufficio stampa e comunicazione nato nel 2009 per dedicarsi esclusivamente alla promozione di aziende e produzioni etiche, ecologiche e sostenibili. Il gruppo è formato da due giornaliste, Silvia Massimino e Livia Negri, Marina Massimino con ventennale esperienza di marketing in azienda e Ilaria Re con una lunga esperienza nella comunicazione e nelle relazioni pubbliche.

Com’è nata l’idea di fare Change up! Scelgo io?

L’idea di Change up! è il frutto di una passione condivisa e di un attento studio sul settore della cosiddetta Green Economy. Abbiamo analizzato le fiere e le manifestazioni dedicate alla sostenibilità in Italia e in Europa e abbiamo posizionato Change up! in una fascia medio - alta per rappresentare quelle aziende che si impegnano nel rispetto dell’ambiente e delle persone e che portano avanti anche una ricerca stilistica ed estetica per proporre prodotti di appeal.

L’obiettivo principale di Change up! è quello di valorizzare queste aziende e di coinvolgere il pubblico per lanciare un messaggio: il consumatore ha un grande potere e le nostre scelte di acquisto possono davvero fare la differenza.

Insomma “scelgo io” e lo faccio informandomi e consapevolmente per, ognuno nel proprio piccolo, puntare verso un reale cambiamento (change up!).

Quante realtà vi hanno risposto?

Questa prima edizione ospita 34 aziende, oltre a una quarantina di partecipanti fra i protagonisti dei nostri workshop, laboratori e incontri, esperti e professionisti di vari ambiti legati alla sostenibilità. Siamo molto soddisfatti perché tante persone ci hanno dato fiducia.

Chi saranno gli espositori?

Espongono aziende piccole, medie e grandi di vari settori: moda, accessori, beauty, food&wine, tecnologia, casa, pet food, energia. E’ interessante osservare come si possano creare sinergie fra aziende diverse per dimensioni e tipologie ma con valori importanti in comune. Sembra che ci sia una volontà maggiore di fare rete. Forse la crisi economica che si è abbattuta nel mondo ci sta insegnando qualcosa.

A quale pubblico vi rivolgete?

Ci rivolgiamo a tutti. Uno dei nostri obiettivi è proprio quello di far capire che non dobbiamo considerare questa realtà come una nicchia. Il programma degli incontri è molto vario in modo che ognuno possa scegliere gli argomenti che più interessano o incuriosiscono.

I workshop saranno divulgativi per arrivare a un pubblico vasto ed eterogeneo. Abbiamo curato molto l’evento nei dettagli per creare un ambiente accogliente con aree relax in giardino dove assistere ai workshop e ai laboratori.

Ci saranno l’happy hour della birra naturale sabato sera, il concerto jazz del trio Rinaldi Baldioli Ruggieri domenica, le lezioni aperte al pubblico di yoga e tai chi, il laboratorio per creare cosmetici home made e molto altro.

Quali sono i progetti per il futuro?

Questa è la prima edizione. I nostri progetti sono di creare appuntamenti fissi con Change up! perché è una vetrina su aziende serie che vanno premiate e valorizzate dai consumatori. In programma c’è una seconda edizione entro l’anno. La sostenibilità deve diventare un’istanza comune perché è l’unica strada che possiamo percorrere da adesso in poi, ma è ricca di gratificazioni e ci porterà a una concezione di noi stessi e del mondo più profonda, sicuramente molto interessante. 

+Turismo