+Turismo

Informazioni

L’arrampicata sportiva era attività elitaria, di nicchia, riservata a coloro che abitavano in montagna. Oggi è invece praticata da un numero sempre maggiore di appassionati, merito dell’aurea di sport “pericoloso e adrenalinico” rafforzata dalle imprese di diamanti pazzi come Manolo, ma anche delle palestre indoor sempre più numerose (che a Milano hanno fatto arricchire qualcuno). Al contrario di quello che si potrebbe pensare l’arrampicata è invece uno sport completo e sicuro che possono praticare tutti, bambini compresi.

In città sono tante le palestre indoor dove praticare l’arrampicata. Ma ci si può spostare di qualche chilometro per arrampicare outdoor, anche d'inverno. Vicino Lecco ci sono numerosi spot. Tra i più famosi quello di Galbiate, la falesia più comoda da Milano (e spesso affollatissima). Belle scalate di tutti i livelli. Le facili [V+, VI] sono un po’ da cercare nei vari settori (sempre in evoluzione). Un nuovo parcheggio (enorme) sopra la cava permette l?accesso in 5 min. Una zona molto frequentata anche durante i mesi invernali è Lariosauro, nutrita sezione di monotiri subito dopo Lecco (si parcheggia alla fine della cittadina). In Valsassina la Rocca di Baiedo, bellissima falesia che merita una visita anche solo per la passeggiata. Molti monotiri di vario livello [V,VII] e qualche vietta di 3/4 tiri abbordabile (tipo “via della pera” [IV+]).

Vicino Como, con vista sul lago, c’è la Falesia di Carate Urio, mediamente dura, ma qua e la esistono tirelli da principianti. Anche a Menaggio, il posto ideale per famiglie, bordo lago con caratteristiche varie di scalata anche con qualche linea facile. Sole al mattino ombra pomeriggio. 

Se volete esagerare spostatevi in Valtellina, a Sasso Remenno (Val Masino), la palestra perfetta. Oggi richiodata a resina attira gli appassionati di scalata di tutti i livelli. La valle è bellissima anche dal punto di vista paesaggistico e qui si pratica il bulder, l’arrampicata su massi senza corda. Così voi arrampicate, e la vostra ragazza pisola su bellissimi prati. Sempre in Valtellina, prima di Sondrio, c’è Sassella, di facile accesso e dai tiri molto tranquilli (ma anche molto corti). Il vero entry level del principiante che se ne frega della vista statale.

In provincia di Varese belle le pareti a margine lago Maggiore a Laveno. Clima molto temperato (ci crescono anche delle palme) e molte vie di media difficoltà. Accesso molto facile, si parcheggia la macchina prima dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso, che vale una visita: abbarbicato su uno strapiombo di parete rocciosa a picco sul lago, è sicuramente uno degli scenari più suggestivi del Lago Maggiore. Naturalmente se avete qualche suggerimento ditecelo nei commenti. Alè.

+Turismo