+Turismo

Informazioni

Per secoli mercanti e pellegrini di ogni paese percorsero la Via Francigena per giungere a Roma. La sua origine è strettamente legata al re longobardo Rotari, ma è Sigerico, arcivescovo di Canterbury, che nel 990 descrisse al suo ritorno da Roma il suo pellegrinaggio nel famoso “Itinerarium”. La Via Francigena collegava infatti Canterbury a Roma e costituiva in epoca medioevale una delle più importanti vie di comunicazione europee. Il nostro cammino ci porta nelle terre di Siena, itinerario considerato tra i più suggestivi e belli della Francigena. Si parte da San Gimignano con le sue torri e la sua silhouette fiabesca. Come nel medioevo il verde dei cipressi e lecci e il rosso–ocra della terra di Siena ci accompagnano sui sentieri che ci portano nella Valdelsa con la splendida Badia romanica di Coneo, Colle Val d’Elsa e Monteriggioni. Passando per Siena proseguiremo in direzione sud. La Val d’Arbia ci regalerà panorami mozzafiato sulle colline delle crete senesi, incontreremo testimonianze della lunga storia della Francigena: edifici nati a servizio della strada come spedali, pievi, canoniche e badie,deposito di granaglie fortificate come la grancia di Cuna. Termineremo il nostro cammino a Buonconvento con il suo bellissimo centro storico, situato nel cuore delle crete.

  • 1° giorno - Da San Gimignano a Gracciano dell’Elsa 
    Descrizione della tappa: Partiamo da San Gimignano per una delle tappe più belle in terra di Siena. Scendiamo verso la Vallebuia per poi salire alla Torraccia di Chiusi. Dopo un lungo tratto pianeggiante arriveremo alla splendida Badia a Coneo. Un bel sentiero ci porta poi a Quartaia. Da lì stradine di campagna ci accompagnano a Gracciano dell’Elsa,già noto come “Aelse” XVII tappa del arcivescovo Sigerico.Note: trasferimento in autobus ( di città)da Gracciano d'Elsa( frazione di Colle Val d’Elsa) al centro storico di Colle Val d’Elsa
  • 2° giorno - Da Colle Val d’Elsa a Monteriggioni
    Descrizione della tappa: Da Colle Val d’Elsa proseguiamo sul sentiero del fiume Elsa fino a Gracciano. Passando dalle antiche terme delle Caldane e il borgo di Strove continuamo per Abbadia Isola con la bellissima abbazia cistercense e resti della cinta di fortificazione dell’antico monastero. L’atmosfera del pellegrinaggio medievale e la terra rossa di Siena ci accompagnano poi fino alle mura turrite di MonteriggioniNote: In caso di maltempo il sentiero sul fiume Elsa non è percorribile.
  • 3° giorno - Da Monteriggioni a Siena 
    Descrizione della tappa: Lasciamo Monteriggioni dalla porta Romea. Boschi, campi “rossi” e splendidi panorami ci conducono al Castello della Chiocciola . Poi scendiamo verso Pian del Lago e l'ingresso della galleria di bonifica “la piramide”, costruita dal Granduca Leopoldo di Toscana. Proseguiamo per Siena ed entriamo come i viandanti medievali dalla Porta Camollia con la sua iscrizione: “cor magis tibi sena pandit".
  • 4° giorno - Da Siena a Monteroni d’Arbia 
    Descrizione della tappa: Lasciamo Siena da Porta Romana godendoci subito il panorama splendido e ampie vedute sulla città e sui dintorni. Lungo le strade bianche della Val d’Arbia il paesaggio affascinante delle Crete ci accompagno fino alla Grancia di Cuna, antico granaio fortificato dell’ospedale Santa Maria della Scala di Siena e uno dei centri di produzione agricola dell’antica Repubblica Senese.
  • 5° giorno - Da Monteroni d'Arbia a Buonconvento
    Descrizione della tappa: L’ultimo giorno del nostro viaggio sulla Via Francigena ci porta su crinali e su strade di campo in mezzo alle Crete, con vedute mozzafiato a 360°. Si passa all’antico borgo di Quinciano, scendiamo poi a Ponte d’Arbia e arriviamo in pomeriggio a Buonconvento il “ bonus conventus”, luogo felice, fortunato e tappa sulla lunga strada per Roma di cui i primi cenni storici si hanno intorno al 1100.

N.B. In caso di mal tempo possono essere modificati i programmi giornalieri

Programma dettagliato qui.

 

Dormire

Alberghi, B&B e Ostelli

Mangiare

cene in ristorantini tipici locali e pranzi al sacco

+Turismo