+Turismo

Informazioni

Domenica 30 ottobre 2016 ESCURSIONE A MONTE COFANO


Ore 11.30  - Appuntamento al bar “La Sorgente” a Castellamare del Golfo (Coordinate: 38° 1'0.74"N; 12°53'22.69"E)
Ore 12.15 – Arrivo a Cornino (Coordinate: 38°5'49.42"N; 12°39'45.64"E) ed inizio escursione per Monte Cofano. Una bellissima escursione in una delle mete più ambite dell’escursionismo siciliano. La R.N.O. del Monte Cofano ci regalerà delle belle emozioni attraverso i suoi paesaggi, il mare e le sue rarità botaniche. Il percorso è abbastanza semplice anche se inizia con una moderata salita fino alla sella di Monte Cofano, a m249 s.l.m. Nei pressi vedremo il Baglio Cofano, m 258 s.l.m., ed un piccolo ma splendido stagno temporaneo (gorgo Cofano), ricco di specie acquatiche e frequentato da piccoli animali legati agli ambienti umidi: libellule, discoglossi e crostacei dulciacquicoli. Proseguendo il percorso diventerà più agevole ma altrettanto suggestivo, passando dalla vista del golfo di Cornino a quella del golfo del Cofano. Affronteremo, quindi, una lieve discesa su un lungo prato dominato da particolari aspetti di macchia mediterranea mista a gariga e successivamente percorreremo un sentiero che serpeggia fra pareti di roccia popolate da rarissime piante endemiche e da interessanti specie di molluschi terrestri. Dopo un breve tratto su stradella si raggiungerà, a pochi passi dal mare, l’edificio abbandonato ma ristrutturato della Tonnara del Cofano, utilizzato per le riprese di alcuni episodi del “Commissario Montalbano”. Per il ritorno si seguirà un altro percorso, che si snoda su sentiero lungo la costa, davanti ad una fra le più belle scogliere della Sicilia, in un contesto vegetazionale di palme nane e lentisco, dove non manca la presenza di alcune piante rare. Almeno due saranno le soste in quest’ultimo tratto, la prima per visitare la Grotta del Crocifisso, abitata sin dal neolitico, la seconda per l’imponente torre di Cofano.

Ore 17.00 Trasferimento in agriturismo, sistemazione nelle camere e cena

Lunghezza: circa 8 km - Difficoltà: medio. L’escursione si svolge principalmente su sentiero dal fondo compatto, anche se su brevi tratti può presentarsi sdrucciolevole.

Dislivello: 300 m - Durata: 5 ore circa

Lunedì 31 ottobre 2016 ESCURSIONE ALLA RISERVA DELLO ZINGARO

Ore 9.30 – Dopo prima colazione partenza per la Riserva Naturale dello Zingaro

Ore 10.00 - Inizio escursione allo Zingaro costiero. La R.N.O. dello Zingaro si estende tra Scopello e San Vito Lo Capo, lungo un tratto di circa 7 km di splendida costa frastagliata, interrotta da piccole cale e insenature, chiusa dai massicci rilievi che la sovrastano. L’area presenta una varietà di ambienti e paesaggi, caratterizzati da una ricca diversità biologica. Nella Riserva, infatti vegetano più di 650 specie vegetali di grande interesse naturalistico, di cui più di 40 sono gli endemismi e numerosissime sono quelle rare, come l’esclusivo Limonium di Todaro. Altrettanto interessante è il patrimonio faunistico: l’esistenza di nicchie ecologiche permette, infatti, una diversità particolarmente elevata e riscontrabile soltanto in pochi altri luoghi dell’Isola.

Una notazione a parte va fatta per lo straordinario ed assolutamente incontaminato ambiente marino caratterizzato da un ecosistema integro e particolarmente ricco di biodiversità. Di rilevanza è il “marciapiede a vermetidiâ” (Trottoir a vermetus) endemismo.

Altro elemento di estremo interesse è la Grotta dell'Uzzo, su cui sosteremo durante la passeggiata. Si tratta di un enorme antro di origine marina su cui sono state ritrovate tracce della presenza dell'uomo risalenti a oltre 10 mila anni fa.

Ore 17.00 – Visita ad una cantina con degustazione vini accompagnata da qualche assaggio di prodotti tipici

Ore 19.00 – Rientro in agriturismo e cena

Lunghezza: circa 10 km - Difficoltà: medio-facile. Complessivamente si tratta di un percorso semplice, interamente su sentiero battuto e ben tracciato. L’unico elemento di difficoltà potrebbe essere la lunghezza

Dislivello: 250 m - Durata: 6 ore circa 

Martedi 1 novembre 2016 ESCURSIONE A MONTE ERICE

Ore 9.30 – Dopo prima colazione partenza per Monte Erice

Ore 10.15 - Inizio escursione in uno degli itinerari ad Erice. Breve itinerario ad anello di interesse naturalistico e storico-culturale. Il percorso, partendo da Porta Spada, scende lungo il versante settentrionale di Monte Erice verso i resti di Porta Castellammare, riscoperti in una campagna di scavo 2010-2011, per raggiungere le tre chiese rupestri di Santa Maria Maddalena (520 m), Sant’Ippolito (490 m) e Santa Maria Maggiore (445 m), databili al XIV sec. Durante il percorso si riscontrano brevi tratti di strada lastricata di pregio storico. L’itinerario è ad elevata panoramicità verso la piana di Valderice ed i rilievi di Custonaci (Riserva di M. Cofano) e San Vito Lo Capo (M. Monaco), nonché verso le Isole Egadi (Area Marina Protetta). Ritornando verso Porta Spada, attraverso un breve tratto sottobosco, si può raggiungere il Quartiere Spagnolo (670 m) e visitare l’antico borgo medievale di Erice centro storico.

Pranzo libero e tempo libero tra le stradine del borgo medievale

Ore 18.30 – Arrivo alle macchine e rientro

Lunghezza: 6,5 km ad anello - Difficoltà: medio-facile. Il percorso si snoda interamente su trazzere e sentiero battuto, faticose ma abbordabili alcune salite

Dislivello: 350 m - Durata: 8 h circa

TERMINE ISCRIZIONI: mercoledì 19 ottobre

Per le PRENOTAZIONI contattare Gabriella Costa 338 4898077 - gabriella@trippuzzle.com 

Per INFORMAZIONI TECNICHE sulle escursioni e sui percorsi, contattare Calogero Muscarella 333 1526549 o Elisa Mosca 320 2281888 – info@associazionepfm.it

+Turismo