+Turismo

Informazioni

Si tratta di un’area montana di grande bellezza naturalistica, caratterizzata da circa 45 villaggi, collegati tra loro da sentieri resi unici da stupendi ponti di pietra.

Il parco

Il Parco è stato istituito nel 1973 per tutelare le specie botaniche e faunistiche che vivono in questa zona compresa nella catena del Pindo. All’interno del Parco si trovano il massiccio di Tymfi, i monti Astraka, Gamila e Tsouka Rossa, la gola del fiume Vìkos e quella del fiume Aoos. L’ambiente è unico ed è caratterizzato da panorami mozzafiato, picchi alti e inaccessibili e da vegetazione lussureggiante. La politica protezionistica però non è molto attiva e secondo alcuni ambientalisti il Parco esiste solo sulla carta. Cacciatori e bracconieri continuano infatti, pressoché indisturbati, le loro attività venatorie rivolte ai caprioli, cinghiali e orsi. Come nota positiva, un numero crescente di persone delle comunità locali sta rendendosi conto dell’importanza naturalistica dell’area e dei benefici che si possono trarre proteggendola e promovendola all’esterno. I visitatori del Parco aumentano progressivamente e, di conseguenza, stanno nascendo nei villaggi della zona piccole imprese turistiche. L’attrazione maggiore dell’area sono le gole lunghe circa 12 km e alte in alcuni tratti anche 1000 m, formate dalla millenaria azione del fiume Voidonatis nella roccia calcarea tra Monodendri e Papingo.

La visita

Non esistono centri visita del Parco
La gola di Vikos è, assieme a quella del Parco nazionale di Samaria a Creta, la più famose della Grecia. Il percorso non è particolarmente impegnativo, richiede comunque un minimo di allenamento e di attrezzatura (scarponcini, zaino e giacche impermeabili) e dura circa 4 ore: da considerare che l’unica fonte d’acqua nella gola è la sorgente di Klima, a circa metà strada. Per le cartine del percorso è meglio rivolgersi all’EOS o all’EOT di Ioannina. Per chi non vuole avventurarsi nelle gole, un ottimo punto per avere una visione mozzafiato è la piazzola panoramica di Oxya, 5 km dopo Monodendri. Nelle gole vi sono delle belle piscine di roccia che consentono un bagno anti calura, si raggiungono tramite un sentiero, che parte dalla strada che collega Megalo Papingo con Mikrò Papingo 
Per gli amanti delle arrampicate il monte Astraka offre circa 20 vie: informazioni presso l’EOS di Ioannina.  

La natura

Faggi, abeti bianchi, pini di Bosnia e pini neri popolano le pendici delle gole e i monti adiacenti. Carpini, aceri orientali e platani vivono invece nelle zone inferiori. Gerani, gigli digitali e ellebori fioriscono tra le rocce delle gole, mentre campanule, sassifraghe e veroniche vivono nelle pendici superiori. Complessivamente nel Parco vivono circa 3000 specie di piante e di fiori, favorite dalla varietà del clima e del suolo.  
La zona è popolata da rari orsi, linci, lupi, sciacalli, cinghiali, caprioli e camosci. La lontra vive lungo i corsi d’acqua. Nei cieli volano aquile reali, bianconi, falchi pellegrini, capovaccai e grifoni. Sulle rocce delle gole nidificano i rondoni alpini e le rondini montane.  

Da non perdere

  • Dodoni: sito archeologico con teatro del III secolo, acropoli, santuario di Zeus. 
  • Grotta di Pérama: è una delle più grandi della Grecia ed è stata scoperta per caso nel 1940 da persone che volevano sfuggire ai nazisti. Sale e corridoi si sviluppano per oltre 1 km.
  • Ioannnina: Museo archeologico, Museo bizantino, Museo di arte popolare, Museo del folclore.
  • Nei villaggi della zona non vi sono particolari attrazioni storico-artistiche. Da segnalare però la forma caratteristica delle case, costruite con l’ardesia locale, che in alcuni casi danno un aspetto quasi fiabesco all’ambiente. Alcuni villaggi sono abbandonati; altri si stanno ripopolando grazie alla crescente presenza di visitatori dell’area. 

Info

Regione di Zagoria
Parco nazionale Vikos-Aoos
Grecia
12 600 ettari, altitudine 600-2400 m slm.
EOT (Ellinikos Organismos Tourismou-l’organizzazione turistica ufficiale ellenica), Napoleonda Zeva 2- Ioannina, tel. 0030-651-25086; EOS (Ellinikos Orivatikos Syllogos-Club alpino greco) di Ioannina, Despotatou Ipirou 2, tel. 0030-651-22138. 
In auto: si raggiunge in auto con la E 20 per Konitsa.
Tutto l’anno, preferibili i mesi estivi.
Pensioni a Monodéndri, Megàlo Pàpingo, Mikrò Pàpingo, Vikos. Ioannina ha un’offerta turistica completa (dal campeggio all’hotel di lusso), ma è più distante dei centri precedentemente citati.
Ristoranti e negozi a Monodendri, Vikos, Megàalo Pàpingo, Mikrò Pàpingo, ma c’è chi preferisce fare provviste a Ioannina. 
Escursionismo a piedi, rafting e canoa. 
Non esistono strutture del Parco per accogliere visitatori disabili. 

Consigli in Zona

+Turismo