+Turismo

Informazioni

L’itinerario permette di conoscere l'Alta Langa e la Valle Belbo, una zona tanto straordinaria quanto poco conosciuta.

Il percorso all'interno della Riserva Naturale delle Sorgenti del Belbo, in base alle stagioni, consentirà di conoscere le varie peculiarità, quali le orchidee selvatiche autoctone e le piante officinali presenti nella zona. Nel punto di Accoglienza del Parco, una sala è dedicata al Museo del Miele, con pannellature esplicative sul magico mondo del dolcificante più naturale che esista, frutto della collaborazione tra l’uomo e le api. Nella vicina Montezemolo si può visitare la prima Mieloteca Italiana, conoscere la produzione nazionale del miele e assaggiare i prodotti provenienti dalle Città del Miele italiane.

Poco distante  sarà possibile passeggiare  per le suggestive vie e le porte romaniche del borgo di Murazzano con le sue particolari case di pietra, la parrocchiale di San Lorenzo e il Santuario della Madonna di Hal.  Passando per Murazzano è d'obbligo una tappa presso un caseificio produttore della famosa “tuma” ovvero il formaggio Murazzano. Questo  formaggio D.O.P. è prodotto col il latte ovino che proviene principalmente dalla  Pecora delle Langhe, una razza autoctona che dopo aver rischiato di scomparire, ha avuto una significativa ripresa proprio grazie alla produzione di questo delizioso formaggio. 

La vicina Mombarcaro (870 mt) è considerata la vetta delle Langhe, da qui si potrà godere un bellissimo panorama, visitare il museo delle divise militari e conoscere un po’ di storia della valle. Da Mombarcaro è possibile intraprendere una piacevole passeggiata adatta a tutta la famiglia. Il percorso di 6 km  MOMBARCARO-SAN BENEDETTO si snoda tra i ponti medioevali e la natura incontaminata della valle Belbo, arrivando a San benedetto, borgo in pietra grande protagonista dei racconti di Beppe Fenoglio. 

+Turismo