+Turismo

Informazioni

Il lago di Garda, oltre a essere il più grande d’Italia, con scenari simili al mare della Liguria in alcuni tratti, è stato una rotta di passaggio e di proliferazione artistica molto variegata e complessa. 

Passiamo dalla poesia di Catullo, le cui tracce si vedono andando a visitare le sue Terme, al passaggio dei Germani, presenti sin dal VI° secolo, dai segni più recenti dei tedeschi, di cui Salò è testimone, alla splendida eredità di D’Annunzio, che potete ammirare perdendovi all’interno del Vittoriale degli Italiani, per citare solo alcuni dei fattori che contaminano la locale architettura dei paesini sdraiati sulle sue rive. 

La sponda più tranquilla è quella bresciana: superata Salò in direzione Riva del Garda, si incontrano una moltitudine di paesi e piccoli centri privi di discoteche, mega ristoranti o rave party. Per chi cerca la quiete assoluta, è consigliabile soggiornare a mezza valle: il lago è circondato da montagne che arrivano ai 2218 metri, come il Monte Baldo.

Territorio che ha usato storicamente l’acqua, è sede di numerose cartiere, sia in funzione, come quella di Toscolano Maderno, sia dismesse e diventate monumento storico, come quelle visitabili nella Valle delle Cartiere. Da Toscolano partono motonavi e aliscafi per gite di tutto il lago, e traghetti con posto auto per raggiungere agevolmente la sponda veronese.

Cosa vedere

L’elenco completo dei percorsi è disponibile sul sito del Comune di Toscolano

I luoghi che noi abbiamo testato e amato sono il Vittoriale, tappa d’obbligo che vuole almeno mezza giornata di visita, possibilmente iniziando la mattina presto, facilmente raggiungibile sull a statale. Qui si trova tutta la storia del periodo D’Annunziano, dall’aereo in Balsa (Ansaldo SVA), con cui D’Annunzio volò su Vienna, alla prua di una nave che fa da promontorio sull’incantevole anfiteatro del 1953, dove è possibile assistere a performance di altissimo livello, con l’organizzazione del locale ente del Vittoriale. Tra mobili antichi, sfarzo, lusso, mezzi da combattimento (sdraiata nei giardini, tra limonaie e ulivi, troverete la Nave Puglia, trasportata qui con non poca fatica dal mar ligure di La Spezia in sezioni e poi riassemblata, e ospitante oggi un museo di modelli storici) passerete una giornata indimenticabile. Sul sito gli eventi: l’Ifigenia in Aulide, all’aperto sotto le stelle, ci è rimasta nel cuore, con l’ambiente scenico dietro gli attori che comprendeva il Monte Baldo e la bellissima isola di Garda. 

Altro luogo del cuore è la Valle delle Cartiere, sdraiata lungo il fiume Toscolano. Prima dell’elettricità, quando la forza motrice erano i fiumi, qui proliferavano le Cartiere del Garda, che furono poi trasferite sulla costa. Il recupero, a cura della Fondazione omonima, l’ha trasformata in un bellissimo percorso turistico. Potete da qui risalire il fiume e raggiungere la valle delle Camerate, raggiungibile anche dalla scuderia Castello, evitando così la dura risalita dalla valle verso la montagna. E, infine, ricordiamo la diga del lago di Valvestino: il viaggio può continuare fino al lago, incantevole e piccolo, splendido al tramonto con i suoi salici e la sua superficie liscia.

Consigli di Viaggio

Verso sera dovete provare uno degli esagerati e freschissimi gelati della Gelateria Castellari Gaino.

A  metà strada tra Toscolano e la Scuderia Castello il bar, di solide radici locali, offre gelati alla frutta fresca di stagione proveniente dalle vicine montagne. Enormi coppe colorate e sane sono condite con una vista unica su Toscolano e Salò dalla montagna. Quando la luna è piena, una visita a piedi alla chiesa di San Michele, costruita nel XVII secolo e terminata agli inizi del XVIII, è da fare: gli alti cipressi e gli ulivi fanno da contorno del panorama su Toscolano e Salò, ed è possibile vedere quasi tutto il lato veronese, nella notte, con la sua curiosa forma di coccodrillo che si immerge nelle acque buie e lente del Garda.

Foto di Marinella Scarico

Dormire

Abbiamo scelto la tranquillità di Gaino (appena sopra Toscolano) soggiornando nel piccolo agriturismo Scuderia Castello, con annessa scuderia e scuola di equitazione, vista sul lago, luogo ideale per conoscere sia la costa sia le montagne bresciane, potendo agilmente raggiungere, anche a cavallo, la zona della Camerate e la bellissima Valle delle Cartiere.Questa sponda del lago offre inoltre sistemazioni per tutte le tasche, dai numerosi campeggi per tende dotati anche di bungalow agli hotel a 5 stelle, con accesso privato per le imbarcazioni e vetrate viste mare.

Mangiare

I ristoranti non mancano, anche se scendendo verso Riva del Garda diventano sempre meno numerosi. 

Nella zona di Toscolano, da non perdere Al Bertansì, sopra al campo da Golf di Cecina, che con la vista verso la parte più grande e aperta del lago, è perfetto per i pranzi sotto il sole, ed è incantevole e romantico la sera con la luna che si specchia nel lago. Ottima carne, un menù ricercato ma semplice, con tocchi d’arte come il tomino alla piastra servito sul letto di cipolle rosse di Tropea o lo squisito pollo alla brace che lo fanno essere, da più di trent’anni, una meta fissa dei locali, oltre che dei turisti. 

Lo stesso, anche se in chiave molto più casereccia, si può dire del La Macina Cecina. Appena prima di arrivare al campo di Golf, di fronte a una chiesa maestosa, sempre vista lago, ma dalla città fortificata, troverete questa storica osteria famosa per il suo spiedo alla bresciana con polenta annaffiato dal rosso di Franciacorta. 

Anche la Trattoria La Sosta, sempre a Cecina è un buon indirizzo per lo spiedo bresciano, le tagliatelle ai funghi e le grigliate di carne e il pesce di lago. 

Gargnano e la sua marina sul lago offrono uno splendido rifugio per un Martini al tramonto, e il ristorante Circolo Vela di Gardaroma serve ottimo pesce di lago, fresco, durante tutta l’estate Storica e nascosta nella valle, la trattoria Ca’ Vecia offre una terrazza vista lago mozzafiato, su cui si può godere un pranzo gustoso a base di cacciagione locale.

Ambiente allegro e piacevole, con un menù casereccio e quasi sul lago, è l’Osteria il Gatto D’Oro a Toscolano Maderno, dove Sabina vi intratterrà con la sua vasta scelta di vini e sapori locali.

Consigli in Zona

La terra dell’equipaggio di +39 Gargnano ha un bellissimo e ultramoderno circolo di vela, il CVG - Circolo Vela Gargnano - che offre imbarcazioni e corsi. Il lago è famoso, in particolare da questo lato e scendendo verso riva, per i suoi fortissimi venti, quindi si presta perfettamente ai patiti di vela in tutte le forme, dal kite al windsurf e al parapendio. Fondali profondi, e pericolosi, sono terra di esplorazione di sub, con centri immersione sia a Maderno sia in molti altri paesi. 

Ovviamente chi ama l’equitazione può partecipare alle uscite organizzate da Le scuderie Castello, che arrivano fino alle montagne bergamasche.

I patiti di trekking hanno a disposizione rifugi e laghi in quota con percorsi, come quello della Valle delle Cartiere, di bassa difficoltà fino ai sentieri più irti e faticosi che portano al Monte Denervo e alla sua malga.

Amatissimi questi itinerari anche dai ciclisti, che possono passare dall’allenamento sulla statale, che serpeggia lungo il lago, alle zone più tranquille e meno trafficate dell’interno, con escursioni di ogni tipo. 

Per i golfisti, da non perdere è il Bogliaco Golf Resort a Toscolano, con 18 buche, immerso a mezza valle e in parte vista lago, dove può accadere di incontrare animali che, spesso, si abbeverano nei laghetti del green.

A Garda un altro indirizzo per  pranzare: Trattoria Al Graspo.

+Turismo