+Turismo

Informazioni

Un viaggio sicuramente indimenticabile anche perché entra in un Marocco poco turistico e proprio per questo, estremamente autentico, molto ospitale e accogliente. Dopo un lungo viaggio da Fes e una sosta a Oujda, arriveremo a Figuig attraverso il deserto, con un tranquillo cammino di tre giorni nella bellissima hammada al confine con L’Algeria, ospitati dai nomadi che ci prepareranno la cena e dormiremo nelle scuole dei loro piccoli insediamenti, partendo dalla remota oasi di Ich. Lungo il percorso avremo modo anche di ammirare delle bellissime incisioni rupestri lasciate dai cacciatori che millenni fa vivevano in questa zona. Percorreremo poi con calma Figuig e il suo grande palmeto, seguendo il dedalo di canali che portano la vita e visiteremo gli Ksar con Paolo, architetto italiano che segue il progetto portato avanti dalla ONG Africa 70 per il recupero delle vecchie abitazioni in terra cruda. Ci trasferiremo poi verso la valle dello Ziz, che esploreremo per una giornata intera e concluderemo il nostro viaggio a Fes e la sua straordinaria medina dormendo in case private.

 

  • 1° giorno - Volo di trasferimento dall'Italia a Fes in Marocco
  • Dall’Italia volo su Fez, dove arriviamo nel pomeriggio. Breve visita alla città, cena e notte in albergo.
  • 2° giorno - Trasferimento da Fez a Oujda
    In mattinata trasferimento in bus pubblico fino a Oujda, vivace cittadina, dove arriveremo nel primo pomeriggio.
    Visita all'animato bazar e cena in ristorante locale o in casa di amici.
  • 3° giorno - Da Oujda a Ich
    Da Oujda si parte con un bus molto mattiniero alla volta di Figuig per un viaggio di circa 5 ore fino a Bouarfa. Da qui con un mezzo privato arriviamo al primo sito di incisioni rupestri, che visitiamo con calma e dove pranziamo con i nomadi, per poi proseguire fino a Ich, sempre con un mezzo, e fare una passeggiata nei dintorni dell’abitato.
  • 4° giorno - Da Ich a Chafaa
    Partenza verso il villaggio di Chafaa attraverso l’hammada pietrosa con grandi panorami sulle montagne circostanti. Se possibile saliremo anche ai piedi del Jibillaamour, montagna alta 2160 metri, dove ci sono alberi alti fino a 30 metri. Cena dai nomadi che ancora popolano la zona. Notte in semplice rifugio con i nostri sacchi a pelo.
  • 5° giorno - Da Chafaa a Al Halouf
    Continua il viaggio nel deserto ai confini con l’Algeria verso il villaggio di Al Halouf. Durante il cammino visiteremo i siti di incisioni e di pitture rupestri di Mlalih e Douissa. 
    Notte in rifugio a Al Halouf, con cena e serata musicale offerta dai nomadi.
  • 6° giorno - Da Al Halouf a Figuig
    Da Al Halouf camminata nell’ultimo tratto di deserto, con visita alle incisioni rupestri di Hitama, e poi arrivo a Figuig nel pomeriggio. Sistemazione nella accogliente guesthouse di Smail e Amina e giro nell’oasi. Cena con i piatti tipici della zona cucinati dalle abili mani di Amina.
  • 7° giorno - anello di Figuig
    Giornata dedicata all’esplorazione dell’oasi e la sua falesia particolare, lungo i suoi canali di irrigazione, e visita dei suoi Ksar. Visita anche agli interventi di restauro delle antiche abitazioni effettuate dall’ONG Africa 70.
  • 8° giorno - Trasferimento alla valle dello Ziz
    Trasferimento in bus privato a Bouarfa e poi coincidenza per El-Rachidia dove, prima di arrivare alla città, scendiamo nella valle dello Ziz per essere alloggiati in una tipica casa in terra cruda, restaurata con criteri di sostenibilità. Notte in Gite de Charme. Giornata di parziale trasferimento, ma nel pomeriggio camminiamo lungo la valle e il suo palmeto.
  • 9° giorno - Anello di Ziz
    Camminata ad anello lungo la bellissima valle dello Ziz, nastro verde incastonato nel deserto, lungo il suo palmeto e i suoi villaggi che in autunno sono indaffarati nella raccolta dei datteri.
  • 10° giorno - Attraverso il Marocco fino a Fez
    Dalla valle dello Ziz si arriva a El Rachida e da qui in bus si arriva a Fes, con un viaggio di tutta la giornata, passando dai grandi paesaggi dell’Atlante. Arrivo nel tardo pomeriggio a Fes dove alloggeremo presso privati nella città vecchia.
  • 11° giorno - trekking urbano nella medina di Fes
    Giornata dedicata all’esplorazione e alla visita di Fes. Città incredibile, dove nei suoi stretti vicoli vivremo l’atmosfera di come doveva essere la vita nel medioevo tra artigiani, bancarelle, negozietti, conciatori, asini, gente, odori, sapori.
  • 12° giorno - rientro in Italia
    Un'altra buona giornata a disposizione della visita della città e dei suoi dintorni per fare gli ultimi acquisti o godersi semplicemente un tè guardando il via vai di persone se il volo di rientro è nel pomeriggio.Note: Se avete qualche altro giorno a disposizione potete approfittare di fare una visita a Meknes o alle rovine di Volubilis o arrivare a Marrakesh dove magari potete prendere un altro volo low cost.
  • N.B. In caso di mal tempo possono essere modificati i programmi giornalieri

Dormire

Alberghi, Rifugi, in Famiglia

Mangiare

Pranzi al sacco e cene in ristorantini locali o presso le famiglie del posto

+Turismo