+Turismo

Informazioni

Questa mattina dopo colazione abbiamo lasciato la Country House presso la quale stiamo soggiornando (www.loscacciapensieri.net, Francavilla al Mare, CH) alla volta di Caramanico Terme, centro termale caratteristico per le sue acque sulfuree all'interno del Parco Nazionale della Majella. Il piccolo borgo ospita uno dei Centri Visita del Parco, CARAMANICO TERME PAOLO BARRASSO - VALLE DELL'ORFENTO. Il Centro è sede di un museo con una sezione naturalistica e una archeologica (accessibile anche ai non vedenti) e ospita  l’area faunistica della lontra. Qui vive una famiglia di lontre ed è possibile prenotare una visita guidata che termina con una sessione di avvistamento serale (ore 21.00, posti limitati) durante la quale è possibile osservare da distanza ravvicinata e in assoluto silenzio questi animali nel loro habitat. Il Centro è il punto di partenza per le escursioni nella Valle dell’Orfento e all’Eremo di San Giovanni, per le quali occorre registrarsi, e per tutto il comprensorio nord occidentale del Parco. Mette a disposizione informazioni, guide e percorsi tematici.
(Coop. Majambiente Via del Vivaio / Tel (+39) 085/922343 /www.majambiente.it)

Si possono prenotare escursioni guidate oppure farsi rilasciare i certificati gratuiti di accesso ai sentieri che partono da vari punti del paese. 

Noi abbiamo scelto di percorrere il Sentiero delle Scalelle, un'escursione poco impegnativa ma molto suggestiva che segue la bassa Valle dell´Orfento lungo un suggestivo tratto di fiume con una rigogliosa vegetazione. Lungo il percorso si trovano numerosi ponti, scalini e staccionate e scende sino alla gola incisa dal fiume nel corso di milioni di anni grazie alla forte corrente del corso d´acqua, vista anche la  facilità del percorso ve lo consiglio perchè la sua bellezza vi lascerà davvero incantati!
Il sentiero scende ripido lungo le Scalelle, stretti gradini intagliati nella roccia viva, fino ad un incrocio in prossimità del fiume Orfento. sulla destra il sentiero conduce all´antico Ponte di S. Cataldo ed ai sentieri che risalgono la parte alta della valle. Costeggiando sempre più vicino il fiume lo si attraversa con alcuni ponticelli di legno. L´ambiente qui è molto suggestivo: un´imponente parete strapiombante "incombe" su tutta la zona, il fogliame degli alberi filtra la luce solare che conferisce all´acqua del fiume un caratteristico colore verde, a seconda delle stagioni in cui lo si percorre i colori e le suggestioni cambiano ma rimane inalterato il loro fascino. Lungo il percorso è possibile osservare anche una bella cascata artificiale realizzata in blocchi di pietra e da cui parte il canale che portava acqua al vecchio mulino di Caramanico.

Mangiare

Vi consiglio di fare come noi,comprare pane,formaggi e salumi locali in paese,riempire la borraccia alla Fonte Santa Croce e fare sosta per un picnic lungo lungo il fiume...buona gita!

Consigli in Zona

+Turismo