+Turismo

Informazioni

La rete di alloggi è realizzata a partire dal patrimonio esistente ristrutturato risalente al quindicesimo e diciasettesimo secolo, conciliando qualità e comfort moderno con l’architettura locale. Per la realizzazione della struttura Borgoterra il processo di restauro, è stato concepito con rigore e scrupolo, impiegando gli stessi materiali usati originariamente.

La struttura conta sette bilocali, una suitè di tre vani con servizi ed un monolocale, tutti elegantemente arredati con angolo cottura.

Soggiornare nella struttura Borgoterra permette di vivere a diretto contatto con le usanze e le tradizioni tipiche di queste terra e di conoscere beni artistici e assaporare i prodotti enogastronomici dell'entroterra salentino.

Servizi

  • parcheggio
  • noleggio bici
  • posti letto
  • colazione
  • wifi
  • servizio navetta
  • carta di credito
  • animali domestici
  • prodotti locali
  • accesso disabili

Punteggio Protocollo Green PiuTurismo: 4/8

  • Utilizza (non esclusivamente) cibo Bio o a Km0
  • Ha processi di ottimizzazione dei consumi
  • Mette in atto dei processi Green (es. diminuzione di spreco d'acqua)
  • Fa promozione del suo territorio


Il lato Green

Uno dei punti forti di Borgoterra è la colazione con prodotti bio e fatti in casa: yogurt, torte, marmelade frutta fresca nel piatto, olio, cereali, torte e tanto altro. Un altro "lato green" è il servizio gratuito di noleggio bici per tutti ospiti di Borgoterra.

Consigli in zona

Martano è una cittadina di circa diecimila abitanti, ubicata in un importante nodo stradale che la collega facilmente a Lecce, Otranto, Gallipoli.
Le origini di Martano, avvolte da un alone leggendario, trovano sicura testimonianza nella protostoria; infatti, la presenza di monumenti megalitici quali “la Specchia dei mori” (un superbo ammasso di pietre destinate a scopo cultuale e funerario), “Il Menhir del Teofilo” (la colonna te lu chiofelu o la colonna te lu Diavulu), accertano l’insediamento umano sin dall’età neolitica.

Martano, fino alla seconda metà del cinquecento fu circondata da potenti mura, come si può arguire dalla solidità ed imponenza della torre accorpata alla casa Mazzotti, unica superstite delle numerose torri che potenziavano la cinta muraria che partendo dal castello aragonese e circondando l’abitato si ricongiungeva al Castello, nel luogo dove oggi sorge la torre dell’orologio.
All’esterno della cinta muraria nel XVII secolo furono costruiti dignitosi palazzi che ancora oggi costituiscono l’elemento architettonico più significativo del ruolo predominante che la cittadina ebbe in passato rispetto ai comuni vicini. Opere, tutte, di maestri scalpellini che intagliavano la “pietra leccese”.

Si possono ancora ammirare il Palazzo Pino, il Palazzo Andrichi, il Palazzo Micali, il Palazzo Stampacchia, il portale del Palazzo Scarpa, il portale del Palazzo Sergio.

Martano conserva ancora testimonianza viva di una cultura millenaria: l’uso del dialettogriko” che sino a tutto il XVI secolo fu la lingua usata dai martanesi per comunicare.
La Grecìa Salentina si trova nel cuore del Salento, tra Lecce, Otranto e Gallipoli. È qui che la storia di nove paesi si è intrecciata nel tempo intorno ad un elemento comune: la lingua ellefona, con i suoi riti di origine greca. È qui che nel corso dei secoli si sono conservati infatti dei tesori di cui oggi il visitatore può godere: le tradizioni, la storia, la cultura, la natura, la musica, la gastronomia ed altro ancora. Tutto ciò avvolto nel calore del sole che ha fatto crescere gli ulivi secolari ed ha modellato il carattere ospitale della gente.

 

I luoghi di PiuTurismo: